.
Annunci online

passaggioasudest [ la realtà politica dell'europa sud orientale dai balcani alla turchia ]
 



Questo blog è dedicato ad un'area cruciale per il futuro europeo. Per l'area che va dai Balcani occidentali alla Turchia, infatti, passa il futuro dell'Unione europea come progetto politico così come il futuro di questi Paesi passa dalla scelta dell'integrazione in questo progetto.




"Dobbiamo ricordarci che l’informazione è un veicolo diretto all’utente, non è un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall’altra parte del microfono deve poter comprendere una realtà in cui non è presente. Questo, penso, è il massimo sforzo che i giornalisti devono compiere".
Antonio Russo



"Il vero referendum sul futuro dell'Unione si terrà nei Balcani"
International Balkan Commission


"E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello di vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere".
Orhan Pamuk, Istanbul



Per inviare una email scrivi a pasudest@yahoo.it





4 aprile 2007


CHI SI RICORDA DELLA KATER I RADES?

Il sole sorge sulle coste albanesiLa Kater I Rades era una vecchia motovedetta albanese in disuso, una carretta del mare. Dieci anni fa, il 28 marzo 1997, la corvetta Sibilla della Marina militare italiana la fece affondare provocando la di più di un centinaio di persone, soprattutto donne e bambini. Era un venerdì santo e con questo nome, la "strage del venerdì santo" la tragedia viene ricordata (da chi se ne ricorda). Tanto per mettere le cose in chiaro, io non credo ad uno speronamento premeditato ordinato dalla nostra Marina militare. Non posso credere che sia stato ordinato ad una nostra nave di affondare una carretta piena di disperati e che l’ordine sia stato eseguito. Penso che si sia trattato dell’esito finale, tragico e sicuramente evitabile, di una catena di eventi legata al clima di quei giorni e all’uso politico che veniva fatto dell’"emergenza immigrazione". Il 25 marzo del ’97 tra governo albanese e governo italiano era stato stipulato un accordo che autorizzava il nostro Paese, in cambio degli aiuti promessi a Tirana, a fermare gli emigranti clandestini anche in acque territoriali albanesi. L’accordo sarebbe dovuto entrare in vigore il 3 aprile. Sta di fatto che la collisione ci fu, un’imbarcazione affondò, un centinaio di persone morirono annegate e le loro famiglie e i sopravvissuti fino ad oggi non hanno avuto giustizia.

Nel 1997 l’Albania attraversava una crisi difficilissima: il crack delle società finanziarie piramidali aveva bruciato in pochi mesi i risparmi di moltissimi albanesi, lasciando sul lastrico migliaia di famiglie illuse dal miraggio di arricchirsi molto ed in poco tempo. La situazione dell’ordine pubblico era tesissima, ci furono scontri armati e alcuni morti. Molti albanesi decisero di lasciare il Paese per cercare miglior fortuna all’estero e l’Italia divenne la meta privilegiata di questo esodo. Le autorità italiane decisero, in quell’anno, di far pattugliare l’Adriatico alle unità della MM per fermare l’immigrazione clandestina e operare una sorta di "blocco navale", anche se tecnicamente non era tale, che in molti giudicarono in contrasto con il diritto internazionale. Coincidenze della storia: in Italia, nel 1997, era al governo il centro-sinistra con presidente del Consiglio Romano Prodi, come oggi. In Albania, invece, a governare era il centro-destra, come oggi, e come oggi primo ministro era Sali Berisha che fu in qualche modo coinvolto nello scandalo del disastro delle "finanziarie piramidali". A Roma il ministro della Difesa era Beniamino Andreatta, eminente democristiano, cofondatore dell’Ulivo e "padre politico" di Prodi, da poco scomparso.

La Kater I Rades salpò alle tre del pomeriggio del 28 marzo 1997 dal porto di Valona: più o meno centoquaranta persone, intere famiglie con molte donne e molti bambini, a bordo di una imbarcazione costruita 35 anni prima per un equipaggio di nove marinai. Poco dopo aver doppiato il capo dell’isola Karaburun, la Kater fu avvicinata dalla fregata italiana Zeffiro che le intimò di tornare indietro. La Kater però non si fermò e proseguì verso le coste pugliesi. Verso le 17.30 la Zeffiro lasciò il passo a un’altra nave militare italiana, più piccola e più adatta a manovre di intercettazione, la corvetta Sibilla. La tragedia avvenne attorno alle 19. Come sempre in questi casi le testimonianze divergono. Secondo alcuni sopravvissuti la Sibilla, dopo essersi molto avvicinata e dopo aver intimato ancora una volta senza successo agli occupanti di tornare indietro, avrebbe puntato direttamente sulla Kater fino a speronarla. Secondo la Marina militare italiana invece la collisione sarebbe stata provocata da alcune virate sconsiderate compiute dal comandante della Kater. Secondo le testimonianze dei sopravvissuti la motovedetta albanese venne colpita due volte. Al primo urto diverse persone furono sbalzate fuoribordo, mentre al secondo la Kater si rovesciò imprigionando la maggior parte degli occupanti sottocoperta. L’affondamento avvenne alle 19.03.

Nell’aprile del 1998 al termine delle indagini il sostituto procuratore di Brindisi, Leonardo Leone de Castris, chiese e ottenne l’archiviazione dell’inchiesta "nella convinzione di aver ricercato la verità in ordine alle cause di questa tristissima vicenda, in ogni angolo e in ogni documento esaminato e in ogni testimonianza vagliata, non rimane che arrestarsi, così come il ruolo impone, davanti a un’arida valutazione di inidoneità degli elementi raccolti all’esercizio dell’azione penale". Il magistrato dichiarò cioè di non essere stato messo in grado "di valutare l’incidenza degli ordini impartiti ai comandanti delle due navi impegnate (Sibilla e Zeffiro) dai comandi a terra", parlò di manomissione di prove fotografiche e del fatto che "il filmato girato a bordo della fregata Zeffiro si interrompe inspiegabilmente, con ciò destando non pochi sospetti, proprio nel momento in cui è inquadrata la prua della nave Sibilla che si avvicina minacciosamente alla nave albanese". De Castris scrisse che le registrazioni radio tra le navi impegnate nell’operazione e tra queste e i comandi di terra nel lasso di tempo in cui avvenne la collisione e poi l’affondamento della Kater I Rades, "sono scarsamente intelligibili o si riferiscono a momenti temporalmente diversi da quello utile" e inoltre che non sarebbero state rese disponibili le comunicazioni su frequenza criptata usata negli ultimi momenti prima del naufragio. Sono affermazioni gravi che lasciano intendere che la responsabilità dell’accaduto non poteva essere addebitata solo ai comandanti delle due imbarcazioni e che da parte delle autorità militari italiane sarebbe stato opposto un "muro di gomma" per impedire la ricostruzione esatta di cosa avvenne quel venerdì santo di dieci anni fa.

Secondo le ricostruzioni che è possibile reperire facendo una ricerca su Internet, alle 17.15 del 28 marzo 1997 la Zeffiro avvistò la Kater informando l’ammiraglio Alfeo Battelli, all’epoca comandante del Maridipart di Taranto (il centro che coordina le attività di pattugliamento in Adriatico) e l’ammiraglio Umberto Guarnieri, capo di Stato maggiore della Marina e comandante in capo del Cicnav, la sala operazioni nazionale di Roma. Più tardi, come abbiamo detto, nell’operazione subentrò la corvetta Sibilla. Il capitano Angelo Luca Fusco, in servizio all’ufficio operativo del Maridipart di Taranto, tenne i contatti tra le navi militari in mare e i comandi. Fusco trasmise le disposizioni dei comandi che ordinavano ai comandanti della Zeffiro e della Sibilla di fermare la Kater. La Zeffiro riferì quindi di avere iniziato "un’operazione di harrassment sul bersaglio albanese" vale a dire una decisa azione di disturbo. Pochi minuti dopo alla Zeffiro arrivò l’ordine di compiere un’azione più decisa, "anche fino a toccare il bersaglio". Nella sua deposizione il capitano Fusco parlò di una riunione per concordare il comportamento da tenere nei confronti dell’inchiesta della magistratura, tenutasi nell’ufficio dell’ammiraglio Battelli sei giorni dopo la tragedia, il 3 aprile, e alla quale parteciparono tutti i militari che nel pomeriggio del 28 marzo si trovavano nella sala comando. Si tratta di una circostanza quanto meno interessante ma secondo il pm mancava la prova certa della connessione tra il Cicnav e la Sibilla, non c’erano cioè elementi sufficienti per accusare l’ammiraglio Guarnieri.

Va altresì detto che l’ammiraglio Alfeo Battelli ordinò di svolgere un’inchiesta per accertare le cause del disastro. L’indagine, che fu affidata all’ammiraglio Coviello, concluse che la collisione tra la Sibilla e la Kater I Rades aveva avuto una funzione di "concausa" dell’affondamento e individuò la vera causa nell’improvviso spostamento dei pesi a bordo, cioè dei movimenti degli emigranti albanesi che si trovavano sulla vecchia motovedetta. Il ministero della Difesa, guidato come dicevo da Beniamino Andreatta, in un comunicato diede una versione dei fatti sostanzialmente analoga a quella delle autorità militari: la Marina aveva avvistato la Kater già all’uscita dal porto di Valona, nonostante l’alt l’imbarcazione albanese aveva proseguito sulla sua rotta ed era così entrata in azione la Sibilla che, dopo un inseguimento, aveva costretto il comandante albanese ad una serie di manovre azzardate che avevano portato alla collisione che aveva provocato l’affondamento della Kater. Una versione che coincide con quella del comandante della Sibilla, Fabrizio Laudadio, il quale sostenne di essersi portato due volte a portata di megafono, a una distanza fra i dieci e i 25 metri, a dritta della Kater, per intimare il dietrofront. L’incidente si sarebbe verificato nel secondo tentativo a causa di una manovra sconsiderata della motovedetta albanese che virando a dritta si venne a trovare davanti alla prua dell’unità italiana. Entrambe le versioni, quella della Marina e quella del Governo, contrastano però con quella fornita dai superstiti del naufragio.

A Brindisi nessun esponente del Governo rese omaggio alle vittime: non ci andò il presidente del Consiglio Prodi, non ci andò il ministro della Difesa Andreatta, non il ministro degli Esteri Dini e nemmeno il ministro dell’Interno, Giorgio Napolitano. In compenso arrivò Silvio Berlusconi che versò lacrime di circostanza ad uso delle telecamere e si offrì di ospitare a sue spese tutti i superstiti che però declinarono l’offerta e chiesero piuttosto che si pensasse al recupero dei morti. Nessun rappresentante italiano presenziò nemmeno ai funerali in Albania, per i quali, peraltro, si dovettero attendere sei mesi dato che solo in ottobre fu concesso il via libera al recupero della Kater che giaceva su un fondale a 800 metri di profondità. Il relitto mostrò i segni di due colpi sulla fiancata, come dichiarato dai superstiti. La perizia ordinata dal Tribunale e di cui fu incaricato l’ingegnere Dell’Anna confermò la collisione tra le due imbarcazioni ma ne attribuì la causa alla "interazione idrodinamica" che si produrrebbe in certe circostanze di mare e di vento, tra una nave di grandi dimensioni e una nave molto più piccola e che renderebbe quest’ultima ingovernabile.

Sono passati dieci anni dal naufragio e, come dicevo, non si può dire che giustizia sia stata fatta. Come ho scritto non credo che l’affondamento della Kater I Rades possa essere attribuito ad una decisione premeditata. Sarebbe un vero e proprio atto di pirateria di cui non posso credere si sia resa responsabile la nostra Marina militare. Tuttavia, pensare che nessuno abbia voluto deliberatamente ammazzare un centinaio di emigranti albanesi non significa non avanzare qualche dubbio lecito su quello che è successo e soprattutto su come ce lo è stato raccontato. E’ vero, infatti, che in questa vicenda non mancano i silenzi, le ambiguità, i ritardi che caratterizzano tanti altri eventi oscuri della storia italiana. Per questo accostare la strage della Kater I Rades a quella di Ustica non è fuori luogo. In ogni caso sarebbe già qualcosa se qualche autorità italiana si ricordasse ogni tanto di quelle donne e di quei bambini che cercavano solo un’esistenza un po’ migliore a qualche decina di chilometri da casa loro e invece hanno visto finire sul fondo dell’Adriatico la loro vita insieme a tutte le loro speranze.




permalink | inviato da il 4/4/2007 alle 15:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo        maggio
 
rubriche
Diario
Per saperne di più
Radio Tirana
Balkan Express
Passaggio On Air
Testi
Passaggio Speciale

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
SITI DI INFORMAZIONE
Ansa Balcani
Osservatorio sui Balcani
Osservatorio Caucaso
Le courrier des Balkans
Radio Srbija
Serbianna
Medi@teranée
Balkan Investigative Reporting Network
Investigative journalism center Zagreb
Balcani cooperazione
Balcani On Line
Turchia Oggi
Albania News
Vie dell'Est
ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE
Cesid-Center for free elections and democracy
International commission on the Balkan
Independent commission on Turkey
European Stability Initiative
Humanitarian law center Begrade
Center for european integration strategy
Igman Initiative
Center for Democracy and Reconciliation
Civic Dialogue
Association of local democracy agencies
OneWolrd Southeast Europe
SITI ISTITUZIONALI
Sito del Governo Serbo
Sito del Governo del Kosovo
Inviato speciale Onu in Kosovo
Office of the High Representative in Bosnia-Herzegovina
International criminal tribunal
CENTRI STUDI
Istituto per l'Europa centro-orientale e balcanica
Cirpet-Balcani
Italian Center for Turkish Studies
Tesev - Turkish Economic and Social Studies Foundation
Ovipot - Observatoire de la Via Politique Turque
Gallup Balkan Monitor
BLOG
Il blog di Artur Nura
Balkaland - Bepi ce polaziti???
Istanblues
Cose Turche - Il blog di Tiziana Prezzo
Balkan Crew - Il caffè delle diaspore
Politibalkando
Kafana
Kosovo: la voce del Coniglio
Il blog di Paola Casoli
Burekeaters
ALTRI SITI
Viaggiare i Balcani
Glocal, uniti nella diversità
Progetto Egnatia
Rom del Kosovo
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom