.
Annunci online

passaggioasudest [ la realtà politica dell'europa sud orientale dai balcani alla turchia ]
 



Questo blog è dedicato ad un'area cruciale per il futuro europeo. Per l'area che va dai Balcani occidentali alla Turchia, infatti, passa il futuro dell'Unione europea come progetto politico così come il futuro di questi Paesi passa dalla scelta dell'integrazione in questo progetto.




"Dobbiamo ricordarci che l’informazione è un veicolo diretto all’utente, non è un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall’altra parte del microfono deve poter comprendere una realtà in cui non è presente. Questo, penso, è il massimo sforzo che i giornalisti devono compiere".
Antonio Russo



"Il vero referendum sul futuro dell'Unione si terrà nei Balcani"
International Balkan Commission


"E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello di vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere".
Orhan Pamuk, Istanbul



Per inviare una email scrivi a pasudest@yahoo.it





23 gennaio 2008


LA SERBIA SI AFFIDA AL GAS RUSSO

Per comprendere bene il caso Kosovo occorre osservarlo anche dal punto di vista economico e geopolitico e inserire la questione nel "grande gioco" che la Russia sta conducendo nello scacchiere internazionale. Dopo l'accordo della scorsa settimana tra Russia e Bulgaria è di ieri la notizia che Mosca e Belgrado hanno chiuso un analogo accordo per il passaggio del gasdotto South Stream in Serbia. Ma non solo: Mosca si è portata a casa la società monopolista serba degli idrocarburi Nis ad un prezzo di svendita. Sull'accordo pesano alcuni fattori geostrategici di non poco conto. Se si tiene conto che il progetto del gasdotto Nabucco (che dovrebbe portare le forniture energetiche dall'Asia centrale verso l'Europa occidentale aggirando la Russia) è sostanzialmente fermo, ci si accorge che tutto l'interesse di Mosca per il Kosovo e le minacce di rispondere all'indipendenza di Pristina per esempio con la destabilizzazione della Georgia, più che alla fratellanza ortodossa e allo storico asse tra Serbia e Russia, è legata a interessi ben più concreti.
La firma dell'accordo è fissata per venerdì 25 gennaio a Mosca e viene una settimana dopo l'accordo sul South Stream raggiunto la scorsa settimana con la Bulgaria e firmato nel corso della visita di Putin a Sofia. Il premier serbo Vojislav Kostunica è stato il principale sponsor dell'intesa e, pur di raggiungerla, ha messo a tacere tutte le voci contrarie all'interno del governo come quella del ministro dell'Economia, Mladjan Dinkic, esponente di primo piano del partito riformista G17, secondo il quale l'offerta russa è umiliante per la Serbia e non tiene in conto degli interessi nazionali. In effetti guardando le cifre si nota che a fronte di un valore stimato a 1,7 miliardi di euro, l'offerta presentata da Gazprom per il 51% della NIS era di 400 milioni di euro. A questa somma si devono poi aggiungere 500 milioni di euro per un piano d'investimenti quadriennale e, appunto, il passaggio attraverso la Serbia di un ramo del gasdotto South Stream. Dinkic ha però espresso seri dubbi anche sul gasdotto perché entrerà in funzione non prima del 2013 e la sua capacità resta un punto interrogativo.
La privatizzazione della Nis ha saltato tutti i passaggi che prevedevano tre fasi e la partecipazione alla gara, oltre a Gazprom, della società russa Lukoil, di quella ungherese MOL, della polacca PKN Orlen, dell'austriaca OMV, della Greek Hellenic Petroleum e della romena Rompetrol. Molto probabilmente la svendita ai russi è il prezzo che il premier serbo Kostunica deve pagare a Putin per il sostegno sul Kosovo. Un sospetto avanzato da molti analisti ma che è venuto subito in mente anche ad un piccolo osservatore come il sottoscritto. Un altro do ut des è molto probabilmente quello avvenuto tra Kostunica e il presidente serbo Boris Tadic, che ha dato via libera all'accordo per ottenere l'appoggio del premier al secondo turno delle presidenziali e garantirsi i voti necessari per battere l'ultranazionalista Nikolic al ballottaggio. Pare che Tadic e Kostunica si recheranno a Mosca insieme per la firma dell'accordo con la Russia. Se ciò avverrà sarà la prova che il patto elettorale tra i due è stato raggiunto. In ogni caso bisognerà comunque aspettare poco: il 3 febbraio si vota per il secondo turno delle presidenziali e vedremo cosa avrà deciso di fare Kostunica.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. russia gas serbia gazprom south stream

permalink | inviato da robi-spa il 23/1/2008 alle 20:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        febbraio
 
rubriche
Diario
Per saperne di più
Radio Tirana
Balkan Express
Passaggio On Air
Testi
Passaggio Speciale

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
SITI DI INFORMAZIONE
Ansa Balcani
Osservatorio sui Balcani
Osservatorio Caucaso
Le courrier des Balkans
Radio Srbija
Serbianna
Medi@teranée
Balkan Investigative Reporting Network
Investigative journalism center Zagreb
Balcani cooperazione
Balcani On Line
Turchia Oggi
Albania News
Vie dell'Est
ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE
Cesid-Center for free elections and democracy
International commission on the Balkan
Independent commission on Turkey
European Stability Initiative
Humanitarian law center Begrade
Center for european integration strategy
Igman Initiative
Center for Democracy and Reconciliation
Civic Dialogue
Association of local democracy agencies
OneWolrd Southeast Europe
SITI ISTITUZIONALI
Sito del Governo Serbo
Sito del Governo del Kosovo
Inviato speciale Onu in Kosovo
Office of the High Representative in Bosnia-Herzegovina
International criminal tribunal
CENTRI STUDI
Istituto per l'Europa centro-orientale e balcanica
Cirpet-Balcani
Italian Center for Turkish Studies
Tesev - Turkish Economic and Social Studies Foundation
Ovipot - Observatoire de la Via Politique Turque
Gallup Balkan Monitor
BLOG
Il blog di Artur Nura
Balkaland - Bepi ce polaziti???
Istanblues
Cose Turche - Il blog di Tiziana Prezzo
Balkan Crew - Il caffè delle diaspore
Politibalkando
Kafana
Kosovo: la voce del Coniglio
Il blog di Paola Casoli
Burekeaters
ALTRI SITI
Viaggiare i Balcani
Glocal, uniti nella diversità
Progetto Egnatia
Rom del Kosovo
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom