.
Annunci online

passaggioasudest [ la realtà politica dell'europa sud orientale dai balcani alla turchia ]
 



Questo blog è dedicato ad un'area cruciale per il futuro europeo. Per l'area che va dai Balcani occidentali alla Turchia, infatti, passa il futuro dell'Unione europea come progetto politico così come il futuro di questi Paesi passa dalla scelta dell'integrazione in questo progetto.




"Dobbiamo ricordarci che l’informazione è un veicolo diretto all’utente, non è un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall’altra parte del microfono deve poter comprendere una realtà in cui non è presente. Questo, penso, è il massimo sforzo che i giornalisti devono compiere".
Antonio Russo



"Il vero referendum sul futuro dell'Unione si terrà nei Balcani"
International Balkan Commission


"E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello di vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere".
Orhan Pamuk, Istanbul



Per inviare una email scrivi a pasudest@yahoo.it





13 ottobre 2009


ARMENIA-TURCHIA: IL NUOVO CORSO INIZIA CON UNA CRISI

I ministri degli Esteri dell'Armenia e della Turchia firmano l'accordo tra i due paesi, sabato 10 ottobre 2009 a Zurigo (Foto tratta dal sito dell'agenzia Asca)Il nuovo corso è iniziato con una crisi. E' in questo commento dell'emittente turca Ntv la sintesi più efficace di quanto è accaduto sabato scorso, 10 ottobre, a Zurigo, dove Armenia e Turchia hanno sottoscritto uno storico accordo che dovrebbe portare alla riapertura delle frontiere e al ristabilimento di relazioni diplomatiche tra i due Paesi. Fino all'ultimo, infatti, il compromesso ha rischiato di saltare e solo alle 21, con quattro ore di ritardo sul programma, i due ministri degli Esteri, l'armeno Edvard Nalbantyan ed il turco Ahmet Davutoglu hanno firmato. Intorno a loro i ministri degli Esteri russo, Sergej Lavrov, statunitense, Hillary Clinton, francese, Bernard Kouchner, svizzero, Micheline Calmy-Rey, e l'Alto rappresentante per la politica estera dell'Ue, Javier Solana, sorridevano più per lo scampato pericolo che per la soddisfazione per un avvenimento che se da parte chiude una vicenda, dall'altra ne apre un'altra i cui esiti sono tutt'altro che scontati. Il difficile comincia ora e tutti si chiedono come andrà a finire. La firma, infatti, è costata molta fatica, e dietro le dichiarazioni di circostanza c'è la consapevolezza che il cammino sarà tutto in salita.

I protocolli di Zurigo segnano senza dubbio un passo avanti importante per la pacificazione e la stabilizzazione del Caucaso, una regione importantissima per le rotte energetiche che legano la Russia e l'Asia centrale all'Europa occidentale. Insomma, i sorrisi della diplomazia celano l'ennesima partita del grande gioco caucasico. I russi cercano nuove vie per il loro gas e hanno bisogno dell'Armenia. L'Armenia, che non dispone di risorse naturali, spera di sfruttare la sua posizione di paese di transito e di rompere l'isolamento economico. Gli Usa dal canto loro, per motivi analoghi, hanno fatto pressione sui turchi. La Turchia a sua volta gioca la carta del disgelo con l'Armenia sul tavolo della sua adesione all'Ue e punta a diventare un hub energetico. Questo potrebbe essere il jolly per superare le resistenze della Francia e degli altri paesi europei contrari all'adesione. La Turchia è infatti uno snodo per due progetti di importanza strategica come South Stream e Nabucco.

La partita, però, è apertissima. Innanzi tutto perché i protocolli dovranno essere ora ratificati dai due parlamenti. In Armenia il premier Serge Sarkisian conta su una forte maggioranza, me il passaggio potrebbe non essere così scontato vista la diffusa opposizione interna ai contenuti dell'accordo, ma soprattutto viste le riserve e le resistenze della potente diaspora che con le sue rimesse e i suoi investimenti costituisce una voce fondamentale del pil del paese. In Turchia, anche il primo ministro Recep Tayyip Erdogan può contare su una solida maggioranza parlamentare e, in questo caso, avrà probabilmente dalla sua il partito curdo Dtp che vede nel dossier armeno un precedente importante per giungere ad una soluzione equa anche per la questione curda. Ma le cose potrebbero comunque non essere facili: scontata l'opposizione dei nazionalisti del Mhp, l'eventuale appoggio dei kemalisti del Chp potrebbe comportare dei costi politici per il premier. D'altra parte curdi, Cipro e Armenia sono tre questioni che Ankara deve risolvere sia per consolidare il suo ruolo regionale, sia per avanzare sul cammino verso l'Ue.

Per andare in porto, il dossier armeno deve però superare due ostacoli grandi come montagne. Il primo si chiama Nagorno-Karabakh. L'enclave armena cristiana nell'Azerbaigian turcofono e islamico è stata la causa di un conflitto che tra la fine degli anni '80 e la prima metà degli anni '90 ha provocato alcune decine di migliaia di morti. L'intervento dell'esercito armeno provocò la chiusura delle frontiere da parte di Ankara nel 1994. In vista dell'accordo tra Armenia e Turchia, l'Azerbaigian ha fatto sapere che potrebbe dare il suo gas ed il suo petrolio alla Russia invece che alla Turchia o agli occidentali. Per questo, all'indomani della firma dei protocolli di Zurigo, Erdogan si è precipitato a ribadire che la fine dell'occupazione armena del Nagorno-Karabakh è una delle condizioni per la riapertura delle frontiere. Anche perché è una questione su cui il premier turco sarà chiamato a dare spiegazioni non solo in parlamento (all'opposizione e ai suoi), ma anche all'opinione pubblica turca.

La seconda questione riguarda lo sterminio di un milione e mezzo di armeni avvenuto nel 1915-16 che la Turchia moderna si è sempre rifiutata di riconoscere come genocidio, ridimensionando anche il numero delle vittime e chiedendo con forza di parlare anche dei massacri compiuti dagli armeni nei confronti dei turchi negli anni che accompagnarono il crollo dell'Impero ottomano. Per molti turchi parlare di genocidio è ancora un tabù, ma per gli armeni il suo riconoscimento rappresenta un punto irrinunciabile, una ferita ancora aperta e sanguinante, così come la questione del Nagorno-Karabakh. Da una parte e dall'altra, però, sono molte le voci che chiedono di parlare e che considerano quindi l'accordo del 10 ottobre un momento storico. D'altra parte la pace si fa con i nemici e in qualunque compromesso, ognuna delle parti deve essere disposta a mettere in discussione qualcosa. Mettersi intorno ad un tavolo per cercare un accordo è già un passo avanti.

Sulle prime reazioni all'accordo con l'Armenia ed i possibili sviluppi politici in Turchia segnalo la mia intervista a Marta Ottaviani, corrispondente della Stampa e di Avvenire, sul sito di Radio Radicale.

Sulla posizione della diaspora armena sull'accordo segnalo inoltre la mia intervista a Robert Attarian, portavoce del Consiglio della Comunità armena di Roma sul sito di Radio radicale.


21 novembre 2008


KOSOVO: I SEI PUNTI DELL'ACCORDO NEGOZIATO DALL'ONU

Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki Moon, ha negoziato un accordo preliminare in sei punti per la riconfigurazione della missione delle Nazioni Unite in Kosovo (Unmik), che è stato accettato da Belgrado e che darebbe il via all'avvicendamento con la missione europea. L'accordo è stato invece rifiutato dal governo di Pristina.
Secondo il governo kosovaro tale accordo - che secondo le indiscrezioni prende atto della situazione di sostanziale divisione tra il nord del Paese ancora di fatto sotto il controllo di Belgrado e il sud controllato da Pristina - viola la loro sovranità. La posizione delle autorità kosovare, è sostenuta da molti opinionisti. Inoltre, i media kosovari hanno attaccato l'Alto rappresentante per la politica estera dell'UE, Javier Solana, accusandolo di aver fatto lobbying contro l'indipendenza del Kosovo.
Il presidente serbo, Boris Tadic, ha dichiarato invece che l'accordo elaborato dall'Onu è la "linea rossa" dalla quale Belgrado non intende retrocedere. Il ministro degli Esteri serbo, Vuk Jeremic, ha ribadito la posizione della Serbia contraria a qualsiasi forma di intesa che possa sottintendere l'accettazione dell'indipendenza del Kosovo, ma l'opposizione ritiene che un via libera alla missione significherebbe un riconoscimento de facto dell'indipendenza del Kosovo. La questione del dispiegamento di Eulex è da mesi al centro della politica serba. Anche i serbi del Kosovo sono decisamente contrari.

Stando alle informazioni attualmente disponibili basate su varie indiscrezioni riportate dalla stampa i sei punti elaborati dal Segretario generale, accettati da Belgrado e respinti da Pristina sarebbero i seguenti:

Confini
Nella cornice della 1244, la Nato continuerà ad esercitare l'attuale mandato di garante della sicurezza.

Polizia
Nei territori abitati da popolazione serba le forze di polizia restano sotto l'attuale catena di comando, supervisionata dalla polizia internazionale. Gli ufficiali serbi vengono nominati dal capo dell'Unmik.

Dogane
I doganieri internazionali tornano a controllare i valichi confinari nel nord del Kosovo, nella cornice della risoluzione 1244. Viene incluso anche un protocollo di collaborazione tra la Serbia e il Servizio Dogane dell'Unmik. E' prevista l'apertura di un ulteriore valico a Kamenica. La maggior parte degli introiti raccolti alle frontiere andrà alle amministrazioni locali, una parte minore al governo di Pristina.

Tribunale
Il tribunale di Mitrovica nord rimane sotto controllo dell'Unmik. Giudici e procuratori locali saranno nominati nella cornice della risoluzione 1244.

Tutela del patrimonio culturale serbo
Proseguimento del dialogo tra Pristina e Belgrado, nel quale dovrà essere coinvolta anche la chiesa ortodossa serba.

Infrastrutture
Su questo punto si prevedono appositi negoziati.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. kosovo onu unmik accordo

permalink | inviato da robi-spa il 21/11/2008 alle 20:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
rubriche
Diario
Per saperne di più
Radio Tirana
Balkan Express
Passaggio On Air
Testi
Passaggio Speciale

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
SITI DI INFORMAZIONE
Ansa Balcani
Osservatorio sui Balcani
Osservatorio Caucaso
Le courrier des Balkans
Radio Srbija
Serbianna
Medi@teranée
Balkan Investigative Reporting Network
Investigative journalism center Zagreb
Balcani cooperazione
Balcani On Line
Turchia Oggi
Albania News
Vie dell'Est
ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE
Cesid-Center for free elections and democracy
International commission on the Balkan
Independent commission on Turkey
European Stability Initiative
Humanitarian law center Begrade
Center for european integration strategy
Igman Initiative
Center for Democracy and Reconciliation
Civic Dialogue
Association of local democracy agencies
OneWolrd Southeast Europe
SITI ISTITUZIONALI
Sito del Governo Serbo
Sito del Governo del Kosovo
Inviato speciale Onu in Kosovo
Office of the High Representative in Bosnia-Herzegovina
International criminal tribunal
CENTRI STUDI
Istituto per l'Europa centro-orientale e balcanica
Cirpet-Balcani
Italian Center for Turkish Studies
Tesev - Turkish Economic and Social Studies Foundation
Ovipot - Observatoire de la Via Politique Turque
Gallup Balkan Monitor
BLOG
Il blog di Artur Nura
Balkaland - Bepi ce polaziti???
Istanblues
Cose Turche - Il blog di Tiziana Prezzo
Balkan Crew - Il caffè delle diaspore
Politibalkando
Kafana
Kosovo: la voce del Coniglio
Il blog di Paola Casoli
Burekeaters
ALTRI SITI
Viaggiare i Balcani
Glocal, uniti nella diversità
Progetto Egnatia
Rom del Kosovo
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom