.
Annunci online

passaggioasudest [ la realtà politica dell'europa sud orientale dai balcani alla turchia ]
 



Questo blog è dedicato ad un'area cruciale per il futuro europeo. Per l'area che va dai Balcani occidentali alla Turchia, infatti, passa il futuro dell'Unione europea come progetto politico così come il futuro di questi Paesi passa dalla scelta dell'integrazione in questo progetto.




"Dobbiamo ricordarci che l’informazione è un veicolo diretto all’utente, non è un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall’altra parte del microfono deve poter comprendere una realtà in cui non è presente. Questo, penso, è il massimo sforzo che i giornalisti devono compiere".
Antonio Russo



"Il vero referendum sul futuro dell'Unione si terrà nei Balcani"
International Balkan Commission


"E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello di vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere".
Orhan Pamuk, Istanbul



Per inviare una email scrivi a pasudest@yahoo.it





17 ottobre 2009


GIORNALISTI CONTRO IL RAZZISMO



Riporto qui un breve aggiornamento sulla campagna e sulle attività del gruppo Giornalisti contro il razzismo. Sono oltre 250 i giornalisti che si sono impegnati ad eliminare dal proprio lessico professionale le parole "clandestino", "extracomunitario", "nomade", "zingaro", "vu cumprà". L'autore di questo blog è tra questi.


I promotori della campagna, con un cominicato stampa, hanno aderito alla manifestazione antirazzista che si svolge a Roma oggi 17 ottobre 2009, cogliendo l’occasione per segnalare le responsabilità dei media nell’affermazione di un clima sociale e culturale che legittima le discriminazioni.
http://www.giornalismi.info/mediarom/articoli/art_3757.html


I promotori hanno anche dato un'adesione critica alla manifestazione per la libertà d'informazione del 3 ottobre 2009
http://www.giornalismi.info/mediarom/articoli/art_3388.html


Sul sito è disponibile l'importante ricerca condotta dall’équipe del Dossier Caritas/Migrantes e dall’agenzia Redattore Sociale sul rapporto fra immigrazione e criminalità.
L’analisi dettagliata e critica dei dati, ha condotto a concludere che non esiste alcun nesso fra immigrazione e criminalità e che non esiste alcuna emergenza criminalità. E’ una ricerca che smentisce le “certezze” asserite da molti politici e avallate da molti media.
http://www.giornalismi.info/mediarom/articoli/art_3732.html


Giornalisti contro il razzismo, 16 ottobre 2009


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giornalismo razzismo

permalink | inviato da robi-spa il 17/10/2009 alle 10:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 ottobre 2009


CIAO ANTONIO

Antonio Russo con i bambini del Kosovo

Il 16 ottobre del 2009, nove anni fa, Antonio Russo veniva assassinato in Georgia. Antonio stava seguendo la guerra in Cecenia per Radio Radicale. I mandanti e gli esecutori non sono mai stati trovati, ma le modalità e le circostanze dell'omicidio dimostrano che Antonio fu ucciso a causa del suo lavoro, a causa delle sue corrispondenze e delle sue inchieste in cui documentava la realtà della guerra cecena e la "guerra sporca" condotta dalla truppe russe. Il suo corpo martoriato venne ritrovato lungo una strada di campagna ad una trentina di chilometri da Tbilisi. Le circostanze della sua morte non sono mai state chiarite. Il materiale documentario che aveva con sé non è mai stato ritrovato. Antonio aveva cominciato a trasmettere in Italia notizie scottanti sull'utilizzo di armi non convenzionali. Due giorni prima dela sua morte aveva parlato alla madre di una videocassetta contenente immagine delle torture e delle violenze dei reparti speciali russi ai danni della popolazione cecena.
Antonio Russo era un free lance, senza la tessera dell'Ordine. Era un giornalista per passione, uno che voleva raccontare le cose che vedeva, e le cose da vedere le voleva andare e cercare per conto suo. Lo ha fatto in Ruanda, in Algeria, in Bosnia, in Kosovo e in Cecenia. Non era un giornalista "embedded", non avrebbe mai potuto accettare di esserlo.

Vorrei ricordare Antonio ancora una volta con le sue parole, quelle che riporto anche nel "dorso" di questo blog. In modo semplice, lo stesso che usava per le sua corrispondenze radiofoniche, spiega il senso del mestiere di giornalista.

"L’informazione è un veicolo diretto all’utente, non è un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall’altra parte del microfono deve poter comprendere una realtà in cui non è presente".

Daniele Biacchessi, giornalista, scrittore, vicecaporedattore di Radio 24, ha scritto un libro per raccontare cinque storie esemplari di giornalisti per passione. Il libro si intitola "Passione reporter" ed è stato pubblicato qualche mese fa dall'editore Chiarelettere. Il libro raccoglie le storie di Ilaria Alpi e Milan Hrovatin, Enzo Baldoni, Raffaele Ciriello, Maria Grazia Cutuli e Antonio Russo. Giornalisti "irregolari", free lance, magari nemmeno iscritti all'Ordine. Giornalisti per vocazione, che hanno perso la vita per andare a cercare i fatti e raccontarli la dove accadono. Perché nonostante le nuove tecnologie, nonostante telefonini e fotocamere digitali, nonostante Twitter e Facebook, c'è sempre bisogno di qualcuno che consumi le suole delle scarpe e, come diceva Antonio Russo, vada lì per documentare e trovare prove. Per fare inchieste: quel giornalismo che la gente vuole ma che in Italia si fa sempre meno, mentre l'informazione si pede in un mare di gossip, veline e marchette.

In occasione dell'anniversario dell'assassinio di Antonio Russo ho intervistato Daniele Biacchessi. L'intervista integrale la trovate sul sito di Radio Radicale. Qui di seguito riporto la trascrizione delle parole dedicate ad Antonio che mi sembrano particolarmente belle.

[...]
Quello che faceva Antonio Russo in Georgia, a pochi chilometri dalla Cecenia, e raccontava attraverso il vostro mezzo radiofonico con delle bellissime, importantissime corrispondenze, è un pezzo nascosto di guerra. Antonio andava a raccontare qualcosa che non si vede e che soltanto chi consuma le suole delle scarpe va.
[...]
In questo momento in cui si parla tanto di libertà di stampa e in cui ognuno si riempie la bocca di tante parole, di grandi parole. I giornalisti oggi non hanno più la schiena dritta. Ti ricordi il presidente della Repubblica Napolitano che dice a noi giornalisti "Tenete la schiena dritta"? Il problema è che oggi noi non abbiamo più la schiena. Il problema principale non è tanto secondo me la libertà di stampa, ma quanto il livello veramente basso dell'informazione generale che non spiega più niente, che non racconta più niente, che fa pochissime inchieste. Quando invece poi qualcuno dimostra che le inchieste funzionano, che c'è ancora un pubblico, anzi che c'è soprattutto un pubblico interessato, ecco che improvvisamente vengono fuori le parole di Antonio Russo.
[...]
Antonio Russo la pensava esattamente così e la pensava esattamente come me, come tanti altri colleghi che vogliono raccontare, che vogliono narrare. E c'è un altro pezzo, che io riporto... Su questo palco improvvisato di Tbilisi, capitale della Georgia, dove lui interviene sui danni ambientali della guerra in Cecenia. Dice: "Poi parleremo dei danni ambientali, ma prima dobbiamo parlare di quello che stanno facendo contro la popolazione civile. Prima dobbiamo parlare di bombe e di ordigni e di armi che sono vietate da ogni tipo di convenzione. Prima dobbiamo parlare delle vittime civili che cadono sotto i bombardamenti come formiche, dove la vita di un uomo vale meno di quella di un animale". E poi questa frase bellissima: "E' per questo che sono qui, per trovare prove e per documentare". A me questa cosa mi ha molto, molto commosso. "Per questo che sono qui, per documentare, per trovare prove". Ma chi te lo fa fare? Chi ce lo fa fare? Ce lo fa fare soltanto il fatto che tu pensi che questo mestiere non sia - con tutto il rispetto - l'impiegato delle poste e telecomunicazioni o di qualsiasi altro ministero, o qualsiasi altro lavoro [ma] che sia un mestiere in cui tu decidi da che parte stare. E Antonio ha deciso di stare dalla parte dei più deboli, dei più umili. Mi ha fatto molta commozione questa immagine di lui che gira in queste valli, fianco a fianco con migliaia e migliaia di profughi. La stessa cosa che aveva fatto, per altro in Kosovo, quando si era mischiato con i profughi per sfuggire all'inferno di Pristina.
[...]
Era un grande, Antonio. Questo lo dobbiamo dire a nove anni dalla sua morte. Era una persona che non faceva sconti a nessuno. Aveva coraggio ed è stato trucidato e ammazzato con delle forme che sono tipiche di istituzioni e apparati dello Stato.
[...]

Daniele Biacchessi
Passione Reporter
Ed. Chiarelettere

Il giornalismo come vocazione
Per non dimenticare Ilaria Alpi e Milan Hrovatin, Raffaele Ciriello, Maria Grazia Cutuli, Enzo Baldoni, Antonio Russo


16 giugno 2009


GIORNALISTI CONTRO IL RAZZISMO


Prosegue la campagna di "Giornalisti contro il razzismo": aumentano le adesioni e comincia a prendere forma un dibattito sull'informazione diffusa dai maggiori media in merito all'immigrazione e ai fenomeni di razzismo sempre più evidenti nella società.

Fra i materiali più recenti insieriti nel sito di Giornalisti contro il razzismo come segnalato dai promotori potete trovare:

- il dossier della rivista dell'Ordine dei giornalisti dell'Emilia-Romagna su "Media e razzismo" contenente interventi, ricostruzioni storiche, interviste a opinionisti italiani e stranieri da cui emrge la necessità di rafforzare sia la formazione sia il dibattito sulla responsabilità sociale e culturale dei giornalisti;

- dalla trasmissione "Glob" (Raitre) un servizio dedicato al tema: "Qual è il linguaggio della stampa per raccontare l'immigrazione nel nostro paese?", con l'intervista a uno dei promotori della campagna;

- nella sezione "Discussioni" sono presenti inoltre l'intervento di Karim Metref, scrittore algerino da tempo residente in Italia, su come certi articoli hanno trattato il caso della lavoratrice che indossava il velo, il dibattito seguito all'approvazione in Toscana di una legge regionale sull'immigrazione (con la presa di posizione del presidente Claudio Martini e un intervento firmato da decine di attivisti, operatori, giornalisti), e le denunce delle ambasciate di Giappone e Romania per certi stereotipi utilizzati da un quotidiano.

Tutti questi materiale e tutta la documentazione sulla campagna è reperibile sul sito www.giornalismi.info/mediarom


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giornalismo razzismo stampa

permalink | inviato da robi-spa il 16/6/2009 alle 11:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 novembre 2008


SE SI CERCA DI FAR TACERE I GIORNALISTI

Per una volta vorrei parlare di un fatto che non c'entra direttamente con i temi di cui tratta questo blog ma che è molto grave. L'altra sera a Roma un gruppo di persone è entrato nella sede di una emittente televisiva perché non aveva apprezzato il modo in cui una trasmissione di quella stessa emittente aveva trattato i tafferugli avvenuti recentemente nella stessa città durante le proteste contro il decreto Gelmini sulla scuola e i filmati che nella stessa trasmissione erano stati mandati in onda. Al momento dell'irruzione la trasmissione era già finita e il gruppo di facinorosi dopo aver fatto un po' di baccano se ne è andato prima dell'arrivo della polizia. L'indomani alla redazione sono arrivate telefonate di insulti e minacce.
Vorrei esprimere la mia solidarietà ai colleghi insultati e minacciati.
Non mi interessa quale emittente e quale trasmissione sono state oggetto della protesta. Così come non ha importanza a quale organizzazione politica appartengono gli autori dell'irruzione. Quello che mi interessa quello che dovrebbe preoccupare tutti, e molto, al di là dell'opinione politica di ognuno, è l'atto intimidatorio, le minacce, gli insulti rivolti contro giornalisti che hanno fatto semplicemente il loro mestiere di informare. Quello che è successo avrebbe dovuto far scattare una reazione unanime, invece non mi pare che la cosa abbia scandalizzato più di tanto. Ed è proprio questo l'aspetto più grave della faccenda. Gli autori della spedizione dell'altra sera sono probabilmente solo dei fanatici ignoranti e maneschi ma se fatti come questi non suscitano particolari reazioni allora bisogna cominciare davvero a preoccuparsi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giornalismo informazione

permalink | inviato da robi-spa il 5/11/2008 alle 14:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
rubriche
Diario
Per saperne di più
Radio Tirana
Balkan Express
Passaggio On Air
Testi
Passaggio Speciale

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
SITI DI INFORMAZIONE
Ansa Balcani
Osservatorio sui Balcani
Osservatorio Caucaso
Le courrier des Balkans
Radio Srbija
Serbianna
Medi@teranée
Balkan Investigative Reporting Network
Investigative journalism center Zagreb
Balcani cooperazione
Balcani On Line
Turchia Oggi
Albania News
Vie dell'Est
ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE
Cesid-Center for free elections and democracy
International commission on the Balkan
Independent commission on Turkey
European Stability Initiative
Humanitarian law center Begrade
Center for european integration strategy
Igman Initiative
Center for Democracy and Reconciliation
Civic Dialogue
Association of local democracy agencies
OneWolrd Southeast Europe
SITI ISTITUZIONALI
Sito del Governo Serbo
Sito del Governo del Kosovo
Inviato speciale Onu in Kosovo
Office of the High Representative in Bosnia-Herzegovina
International criminal tribunal
CENTRI STUDI
Istituto per l'Europa centro-orientale e balcanica
Cirpet-Balcani
Italian Center for Turkish Studies
Tesev - Turkish Economic and Social Studies Foundation
Ovipot - Observatoire de la Via Politique Turque
Gallup Balkan Monitor
BLOG
Il blog di Artur Nura
Balkaland - Bepi ce polaziti???
Istanblues
Cose Turche - Il blog di Tiziana Prezzo
Balkan Crew - Il caffè delle diaspore
Politibalkando
Kafana
Kosovo: la voce del Coniglio
Il blog di Paola Casoli
Burekeaters
ALTRI SITI
Viaggiare i Balcani
Glocal, uniti nella diversità
Progetto Egnatia
Rom del Kosovo
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom