.
Annunci online

passaggioasudest [ la realtà politica dell'europa sud orientale dai balcani alla turchia ]
 



Questo blog è dedicato ad un'area cruciale per il futuro europeo. Per l'area che va dai Balcani occidentali alla Turchia, infatti, passa il futuro dell'Unione europea come progetto politico così come il futuro di questi Paesi passa dalla scelta dell'integrazione in questo progetto.




"Dobbiamo ricordarci che l’informazione è un veicolo diretto all’utente, non è un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall’altra parte del microfono deve poter comprendere una realtà in cui non è presente. Questo, penso, è il massimo sforzo che i giornalisti devono compiere".
Antonio Russo



"Il vero referendum sul futuro dell'Unione si terrà nei Balcani"
International Balkan Commission


"E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello di vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere".
Orhan Pamuk, Istanbul



Per inviare una email scrivi a pasudest@yahoo.it





18 gennaio 2010


PASSAGGIO IN ONDA

Passaggio a Sud Est
è il sabato alle 22,30 su Radio Radicale



Il sommario della puntata del 16 gennaio 2010

La puntata è dedicata per larga parte alla Croazia, con le recenti elezioni presidenziali e il proseguimento dei colloqui con la Slovenia per la definizione dei confini. In primo piano l'intervista al neo presidente Ivo Josipovic sulla sua elezioni, i problemi interni della Croazia, il suo ruolo nei Balcani e i rapporti con la Serbia, le relazioni con l'Ue e la politica europea nella refione. A questa segue l'intervista con Dijana Plestina Racan che commenta positivamente il risultato delle presidenziali.

Nella trasmissione si parla anche delle inondazioni che hanno colpito l'Albania, dell'integrazione europea del Kosovo e della difficile situazione politica in Bosnia Erzegovina. In apertura uno sguardo su Istanbul capitale europea della cultura del 2010.

La trasmissione è curata e condotta da Roberto Spagnoli con la collaborazione di Marina Szikora e Artur Nura. Tutte le puntate sono riascoltabili sul sito di Radio Radicale.


18 gennaio 2010


CROAZIA, DIJANA PLESTINA: "SONO CONTENTA CHE LA GENTE ABBIA CAPITO CERTE COSE".

Dijana Plestina Racan (Foto Jannette Duroc/Flickr)"So che anche Ivica sarebbe felice. Anch'io sono felice, non si vede dal mio sorriso?". Lo ha detto Dijana Plestina Racan al giornale croato Jutarnji List alla vigilia del ballottaggio del 10 gennaio che ha poi visto confermati i sondaggi che indicavano la vittoria di Ivo Josipovic, candidato del partito socialdemocratico. "Sono contenta che la gente abbia capito certe cose", ha aggiunto.

Dijana Plestina Racan insegna scienze politiche negli Usa, è consulente del ministero degli Esteri croato (si occupa in particolare del problema delle mine antiuomo) ed è la vedova di Ivica Racan, ex premier e leader socialdemocratico, protagonista dell'indipendenza, della transizione democratica e dell'integrazione europea della Croazia. Si è occupata, tra l'altro, della democratizzazione e dello sviluppo sociale ed economico dei paesi dell'Europa dell'est.

Dopo l'elezione di Josipovic, Dijana Plestina Racan ha concesso un'intervista a Radio Radicale in cui parla del nuovo presidente croato, dell'adesione della Croazia all'Ue e della politica europea nei Balcani.

L'intervista è stata realizzata con la collaborazione e la traduzione di Marina Sikora.


Ascolta l'intervista sul sito di Radio Radicale


14 gennaio 2010


CROAZIA. JOSIPOVIC A RADIO RADICALE: "I CROATI HANNO VOTATO PER ME PER UNA 'NUOVA GIUSTIZIA'".

Ivo Josipovic"I croati che hanno votato per me si sono riconosciuti nel mio programma elettorale per una 'nuova giustizia', perché la Croazia ha veramente sete e fame di giustizia. La questione principale è la lotta alla corruzione e al crimine organizzato".

Inizia così l'intervista che per Radio Radicale ho fatto al nuovo presidente croato Ivo Josipovic. Giustizia sociale, lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata, ingresso della Croazia nell'Unione Europea: sono state queste le parole d'ordine della sua campagna elettorale.

52 anni, sposato, una figlia, docente di Diritto internazionale all'università di Zagabria, musicista e compositore, più volte deputato, Josipovic è un progressista ed europeista convinto. Da molti anni è amico del Partito Radicale ed in modo particolare di Emma Bonino che gli ha manifestato pubblicamente il suo appoggio con una lettera.

Nell'intervista, realizzata all'indomani della sua elezione, Josipovic spiega i motivi della sua vittoria e parla delle relazioni della Croazia con l'Unione Europea e più in generale della politica europea nei Balcani e del ruolo dell'Italia, del ruolo del suo paese nella regione e delle relazioni con la Serbia, dell'amicizia con i Radicali e con Emma Bonino.

L'intervista è stata realizzata con la collaborazione e la traduzione di Marina Sikora.


Ascolta l'intervista dal sito di Radio Radicale


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. elezioni radio radicale croazia josipovic

permalink | inviato da robi-spa il 14/1/2010 alle 16:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


12 gennaio 2010


JOSIPOVIC, UN PRESIDENTE EUROPEO PER LA CROAZIA IN EUROPA

Ivo Josipovic è il nuovo presidente della Croazia, il terzo dall'indipendenza del 1991. Una vittoria netta, prevista dopo il primo turno del 17 dicembre, delineata dai sondaggi e confermata già dagli exit poll diffusi subito dopo la chiusura dei seggi, alle 19 di domenica 10 gennaio. Con il 60% dei voti, contro il 40% ottenuto dal suo sfidante, Milan Bandic, sindaco di Zagabria, Josipovic prende il posto di Stjepan Mesic e guadagna per la prima volta la presidenza al centro-sinistra. Il candidato del Partito socialdemocratico ha prevalso in tutta la Croazia, tranne in una "zupanija" (contea) e nei seggi all'estero dove, come previsto, ha prevalso Bandic in maniera schiacciante.

Ivo Josipovic ha 52 anni. Sposato, con una figlia, è docente di Diritto all'Università di Zagabria, oltre che musicista e compositore. E' stato più volte deputato ed ha, tra l'altro, rappresentato la Croazia alla Corte internazionale di giustizia dell'Onu e al Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia. Da molti anni è amico del Partito radicale, tanto che Emma Bonino, alla vigilia del primo turno delle presidenziali, gli ha pubblicamente inviato una lettera di sostegno.

Josipovic è un progressista democratico ed europeista, non certo un bolscevico con il quale la Croazia rischia di "diventare rossa", come ha affermato il suo rivale, agitando un presunto rischio di ritorno al passato. In effetti Josipovic nel 1980 aderì al partito comunista croato, e per questo è stato attaccato da Bandic, ma partecipò al processo di democratizzazione jugoslavo seguito alla morte di Tito. Bandic ha anche tirato in ballo il padre del suo avversario sostenendo che avrebbe diretto il tristemente famoso campo di prigionia titino di Goli Otok, dopo la seconda guerra mondiale. Un'accusa smentita con decisione da Josipovic.

Milan Bandic, ex socialdemocratico espulso dal partito per aver confermato la sua candidatura in polemica con la scelta di Josipovic, da parte sua ha portato avanti una campagna elettorale dai toni nazional-populisti con il sostegno della chiesa cattolica (che non ha evitato ingerenze dirette nella campagna elettorale). Come sindaco di Zagabria Bandic ha in effetti ottenuto diversi successi, ma si è anche distinto per un uso disinvolto del potere fatto di favori agli amici, speculazioni immobiliari e toni spericolati.

Il cardine della campagna elettorale di Josipovic è stato, invece, la questione della giustizia: sia intesa come necessità di riforme, sia sul piano sociale, come lotta alla corruzione e allla criminalità organizzata. Due questioni centrali che rallentano i progressi della Croazia e sulle quali anche l'Unione Europea ha chiesto maggiore impegno nel quadro del negoziato di adesione. "La Croazia ha due problemi", ha dichiarato Josipovic al Corriere della Sera: "la crisi economica e l'enorme corruzione. Fenomeni collegati, perché proprio per la corruzione la Croazia non è competitiva e non attira capitali stranieri". Questa situazione ha mutato profondamente la coscienza dei cittadini, soprattutto dei giovani. Occorre dunque agire su due livelli: "Con la repressione, coinvolgendo polizia, magistratura e servizi segreti. E poi convincere la persone che la corruzione non è necessaria".

Il presidente in Croazia non esercita direttamente il potere esecutivo, ma ha un ruolo di garanzia oltre ad alcune rilevanti competenze di indirizzo, in particolare per quanto riguarda la politica estera. E qui si pone il problema della coabitazione con la premier Jadranka Kosor dell'Hdz, il principale partito di centro-destra. La Kosor nel luglio scorso ha preso il posto di Ivo Sanader che si dimise dall'incarico all'improvviso senza spiegarne chiaramente le ragioni. I motivi che lo hanno indotto ad una tale decisione possono essere stati molti, non esluse, almeno secondo certe voci, pressioni da parte di esponenti politici internazionali di altissimo livello, preoccupati per i gravi scandali incui erano coinvolti diversi esponenti del governo.

Kosor, consapevole che le cose per l'Hdz si stavano mettendo male sull'onda degli scandali, si è impegnata in questi mesi, non senza aspetti contraddittori, in un'opera di pulizia dentro e fuori il partito ed il governo, guadagnandosi un certo favore popolare, ma anche l'ostitilità di vari settori dell'Hdz. Sanader però proprio pochi giorni fa è ritornato sui suoi passi minacciando così di mettere in crisi il governo guidato dalla sua ormai ex delfina, ma anche di spaccare il partito. Il nuovo presidente potrebbe quindi trovarsi, già all'inizio del mandato, a far fronte ad un quadro politico assai agitato proprio mentre la Croazia si trova ad affrontare le pesanti conseguenze della crisi economica globale e a dover concludere il negoziati di adesione all'Ue.

L'ingresso nell'Ue è una delle scadenze più importanti che attendono la Croazia. Nonostante sostenga che Bruxelles sia stata più rigida che con altri circa i criteri di adesione, Josipovic ha confermato il suo impegno per l'ingresso della Croazia nell'Unione e si è detto certo che il paese raggiungerà gli standard richiesti da Bruxelles, non solo per l'Ue, ma anche per il bene del suo popolo. In effetti, Josipovic appare molto più indicato di Bandic ad "assistere" la conclusione di un negoziato in cui diversi problemi devono essere risolti: dal compromesso con la Slovenia per la fissazione dei confini tra i due paesi, sul quale Josipovic ha espresso il suo giudizio negativo, alla lotta alla corruzione e alla criminalità, alla protezione dei diritti delle minoranze. In ogni caso sarà lui ad avere l'onore di tenere a battesimo l'ingresso ufficiale della Croazia nell'Unione europea, nel 2011 o 2012.

Quanto ai rapporti con gli altri paesi della regione Josipovic ha le idee chiare. Il neo presidente è stato a capo del team legale che ha preparato l'accusa di genocidio rivolta alla Serbia davanti alla Corte internazionale di giustizia dell'Onu. Accusa rivolta a sua volta da Belgrado alla Croazia. Josipovic chiede che la Serbia fornisca informazioni sulle persone scomparse, processi ai criminali di guerra e la restituzione dei beni culturali saccheggiati: se Belgrado rispettasse queste condizioni, secondo Josipovic non ci sarebbe motivo di insistere con la denuncia. Per quanto riguarda la Bosnia, Josipovic rivendica il legittimo diritto a proteggere gli interessi dei croato-bosniaci su un piano di parità con le altre etnie costituenti del paese, pur nell rispetto dell'integrità e della sovranità della Bosnia.

Forse il nuovo presidente croato non ha un particolare carisma, qualcuno lo ha anche definito un po' scialbo. Certo non ha la personalità istrionica di tanti protagonisti della politica balcanica emersi dopo il crollo del comunismo, né l'irruenza del suo predecessore Stjepan Mesic, ma per una Croazia che aspira ad un posto in Europa ea guadagnarsi il rispetto degli altri partner questo non è certamente un demerito, anzi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. croazia elezioni josipovic europa ue

permalink | inviato da robi-spa il 12/1/2010 alle 17:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


11 gennaio 2010


CROAZIA: JOSIPOVIC PRESIDENTE

Di Marina Szikora
da www.radicalparty.org

Ivo Josipovic e' il nuovo – terzo presidente della Croazia. Con una vittoria netta, ottenendo il 60,29% contro il suo sfidante, Milan Bandic, sindaco di Zagabria il quale ha ottenuto 39,71%, il candidato socialdemocratico Josipovic sara' il nuovo inquillino di Pantovcak, sede del Presidente croato, che succedera' a Stjepan Mesic dopo dieci anni del suo doppio mandato.

La vittoria e' gia' stata preannunciata dagli exit polls alle ore 19 di ieri sera e le percentuali non erano molto diverse, mentre a mezzanotte in punto vi e' stato il primo comunicato ufficiale da parte della Commissione elettorale statale, che dopo aver esaminato 99,62% dei posti elettorali ha dato la notizia ufficiale della vittoria di Ivo Josipovic.

A differenza del primo turno, i cittadini croati questa volta hanno risposto con una maggiore affluenza alle urne capendo l'importanza del momento senza dubbio storico per il futuro europeo del loro Paese. L'affluenza alle urne e' stata del 50,28 percento.

Ivo Josipovic non ha vinto in una sola contea (zupanija) croata, e nella diaspora, vale a dire all'estero, innanzitutto in Bosnia Erzegovina dove il 92,22 percento e' andato, come del tutto previsto, al suo concorrente Bandic.

«Cari amici, cari cittadini e cittadine della RH, in questi momenti grazie a tutti voi che siete andati a votere. Grazie anche a tutti quelli che non hanno votato per me, a tutti che hanno aiutato che oggi sia il festivala della democrazia» erano le prime parole di Ivo Josipovic dopo mezzanotte. «Ogni cittadino stasera e' vincitore perche' credo profondamente che tutti vogliamo una Croazia migliore e piu' giusta. Credo che tutti vogliamo vivere in un paese dove il lavoro viene pagato e la corruzione punita. Vogliamo vivere in un paese di sicurezza sociale e giustizia» ha sottolineato il nuovo Presidente.

Un messaggio chiaro anche a quelli che non hanno votato per lui, promettendo che sara' anche il loro presidente perche' non vuole dividere i cittadini. Josipovic non ha mancato a ringraziare il presidente uscente Stjepan Mesic rilevando il suo eccezionale contributo alla democrazia croata e rafforzamento della posizione della Croazia nella comunita' internazionale. Un ringraziamento particolare al suo Partito socialdemocratico, al presidente Zoran Milanovic, ai membri del partito e suoi simpatizzanti «perche' senza il loro aiuto non ci sarebbe una campagna di sucesso» ha detto Ivo Josipovic aggiungendo « siamo stati una grande e buon adestrata orchestra che ha suonato una sinfonia di sucesso. La risuoneremo tra cinque anni» ha annunciato Josipovic, professore universitario di diritto internazionale e musicista di musica classica contemporanea.

«Voglio una Croazia europea che sara' una delle stelle splendenti sul cielo europeo» ha detto il nuovo terzo presidente croato, successore di Franjo Tudjman che vinse due elezioni, 1992 e 1997 e Stjepan Mesic, secondo presidente che aveva vinto le elezioni del 2000 e del 2005. «Non abbiate paura, sconfiggeremo la grave crisi economica, la poverta' e corruzione. Insieme siamo la forza per una Croazia migliore. Ci attende un lavoro grande e difficile che dobbiamo intraprendere e la Croazia sara' casa di tutti gli uomini onesti che meritiamo. Abbiate fiducia in me. Nel momento della vittoria vi ripeto: non vi deludero'» ha concluso il suo primo intervento da presidente Ivo Josipovic.

Ivo Josipovic, un amico anche dei radicali, un'amicizia che risale a diversi anni fa e va sottolineato che proprio in vista del primo turno delle presidenziali Emma Bonino aveva mandato una lettera toccante di sostegno alla candidatura di Ivo Josipovic.

A nome del governo croato e personalmente, le congratulazioni, dopo mezzanotte sono arrivate da parte della premier croata Jadranka Kosor. «Propongo che iniziassimo a costruire i ponti tra il Governo e Pantovcak. Mi aspetto una buona collaborazione sulle questioni che cogiuntamente sono di nostra competenza costituzionale» ha detto la premier croata e presidente del maggior partito governativo HDZ, sottolineando che il signor Josipovic non ha menzionato questo lavoro comune nel suo intervento di vittoria e dicendo di credere che questo non e' avvenuto «a causa di molta emozione».

Gia' intorno alle ore 23, l'attuale presidente Stjepan Mesic si e' telefonicamente congratulato con il suo successore. «Davanti a Josipovic e' un grande lavoro da fare. Deve rafforzare le relazioni e la collaborazione con i paesi vicini. Deve stabilire la cooperazione con il Governo sulle riforme indispensabili per l'ingresso nell'Ue perche' qui il presidente puo' aiutare molto», ha detto Mesic ai giornalisti dopo l'ufficializzazione dei risultati elettorali.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. croazia elezioni josipovic

permalink | inviato da robi-spa il 11/1/2010 alle 11:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


4 gennaio 2010


VERSO IL BALLOTTAGGIO PER LE PRESIDENZIALI IN CROAZIA

Ivo Josipovic festeggia l'affermazione al primo turno delle elezioni presidenziali in Croazia (Josipovic/Flickr)Di Marina Szikora

L'anno che abbiamo appena lasciato, in Croazia si e' concluso con il primo turno delle elezioni presidenziali. Ricordiamo che lo scorso 27 dicembre, i cittadini della Croazia si sono recati alle urne per scegliere tra una lista di 12 candidati il terzo presidente della Repubblica della Croazia dalla sua indipendenza acquisita nel 1991.
Come previsto, il primo turno non ha portato la decisione definitiva poiche' nessuno dei candidati ha ottenuto la necessaria maggioranza del 50 % piu' uno degli elettori. Una caratteristica negativa di queste elezioni, considerate molto importanti per il Paese che risconctra un profonda crisi economica, che ultimamente e' travagliato da numerosi scandali di corruzione in cui si vedono coinvolti anche esponenti dei vertici istituzionali, che dal 2008 e' diventato membro a pieno titolo della Nato e che, si spera, entro il 2012 dovrebbe essere il prossimo 28 esimo membro dell'Ue, e' stata la poca affluenza alle urne. Il solo 44 percento che sarebbe un 8 percento in meno rispetto alle elezioni di cinque anni fa che avevano confermato il secondo mandato al presidente uscente Stjepan Mesic. Un segnale, secondo molti analisti, di grande delusione ed anche protesta dei cittadini croati in relazione all'attuale situazione, conseguenza questa di lunghi anni in cui la leadership politica croata non e' stata in grado di liberarsi da quello che maggiormente minaccia la stabilita' e la prosperita' del Paese e che e' una delle condizioni chiave che Bruxelles pone al suo ingresso nell'Ue: lotta alla corruzione e criminalita' organizzata. Proprio questo e' la base del nuovo programma che offre il candidato presidenziale socialdemocratico Ivo Josipovic, il favoreggiato del primo turno che ha ottenuto oltre 32 percento rispetto al 15 percento del suo sfidante nel ballottaggio, Milan Bandic, attuale sindaco di Zagabria, candidato indipendente, ex membro del SDP, espulso dal partito nel momento in cui e' entrato in campo opponendosi al candidato ufficiale Josipovic. Al centro del programma elettorale di Ivo Josipovic, quindi, la visione di una nuova Croazia, di una Croazia che il suo futuro europeo deve fondare sulla giustizia ponendo fine al male comune, vale a dire alla corruzione e criminalita' organizzata.
Secondo un primo grande sondaggio dell'opinione pubblica effettuato dopo la conclusione del primo turno, il candidato del SDP, Ivo Josipovic ha un grande vantaggio rispetto al suo controcandidato Milan Bandic, scrive il quotidiano di Spalato 'Slobodna Dalmacija'. Il sondaggio Cro demoskop, che lo scorso 28 e 29 dicembre ha effettuato l'agenzia «Promocija plus» su un campione di 1500 intervistati, dimostra che tra gli elettori che si recheranno alle urne, Ivo Josipovic ha il sostegno del 53,5 percento, mentre Milan Bandic puo' contare sull'appoggio di 33,7 percento degli aventi voto. In questo momento, perfino 12,9 percento di elettori sono ancora indecisi e quindi i rimanenti sette giorni fino al ballottaggio lasciano ai due candidati e alle loro squadre, un compito molto impegnativo e per niente facile di sollecitare gli indecisi e gli astenuti ad andare a votare e di concedere proprio a loro il voto. Sempre secondo questo sondaggio, si sarebbero formati tre gruppi di sostegno elettorale. Un primo gruppo e' composto da elettori dei candidati che hanno deciso di dare il loro appoggio a Milan Bandic e si tratta di elettori della destra, quindi di Andrija Hebrang, che e' stato il candidato ufficiale del partito governativo HDZ, di Miroslav Tudjman, figlio del defunto primo presidente della Croazia Franjo Tudjman, e di Vesna Skare-Ozbolt, gia' portavoce del presidente Tudjman ed ex ministro della giustizia nel governo di Ivo Sanader. Nel secondo gruppo ci sono gli elettori di Vesna Pusic, esponente del Partito poplare croato – liberale (HNS), attualmente anche vicepresidente dell'ELDR e di Damir Kajin, candidato del Sabor democratico istriano (IDS) che daranno con stragrande maggioranza il loro appoggio a Ivo Josipovic. L'ultimo gruppo e' formato dagli elettori dei candidati del primo turno che non esprimono preferenze a nessuno dei due candidati, ma anche qui, scrive 'Slobodna Dalmacija', e' visibile che il corpo elettorale del candidato al primo turno, Nadan Vidosevic, indipendente e presidente della Camera di economia croata e' piu' vicina a Ivo Josipovic, mentre il corpo elettorale di Dragan Primorac, indipendente, ex ministro della pubblica istruzione nel governo di Ivo Sanader comeanche gli elettori di Josip Jurcevic, un'altro indipendente, molto di destra, gravitano piuttosto dalla parte del candidato Milan Bandic.
I due sfidanti al sondaggio, Ivo Josipovic e Milan Bandic nelle prime ore del 2010 hanno voluto essere vicini e riunirsi ai cittadini della capitale croata. In veste di sindaco, a Milan Bandic e' toccato il privilegio di salire sul palco delle festivita' allestito nella piazza principale della capitale per augurare a mezzanotte ai suoi concittadini un felice e prospero Anno nuovo. Subito dopo, il primo cittadino di Zagabria si e' recato in uno degli ospedali zagabresi per visitare i primi neonati del 2010. Ivo Josipovic invece, nelle prime ore del 2010 si e' recato altrettanto nel centro di Zagabria visitando i piu' famosi club in cui maggiormente persone giovani, ma non solo, hanno festeggiato il Capodanno. Con tanto di strette di mano con i suoi concittadini, con foto ed inevitabili autogrammi, il candidato presidenziale socialdemocratico e' stato salutato con grande entusiasmo e con gli auguri ad una vicinissima vittoria. C'e' da sottolineare che a conclusione del primo turno, Ivo Josipovic ha ricevuto un largo sostegno per il ballottaggio da parte degli altri candidati presidenziali e dei partiti politici non soltanto di opposizione ma anche da una parte della coalizione governativa.
Dopo una riunione svoltasi settimana scorsa, i candidati presidenziali Vesna Pusic, del Partito popolare croato e Damir Kajin, del Sabor democratico istriano hanno assicurato il loro appoggio insieme ai loro rispettivi partiti ad Ivo Josipovic. Anche la presidenza del Partito social-liberale croato (HSLS), uno dei partner della coalizione governativa ha deciso di dare il sostegno al secondo turno al candidato socialdemocratico. Lo ha dichiarato il presidente di HSLS, Darinko Kosor precisando che si tratta di una raccomandazione della leadership del suo partito ma che i membri di HSLS decideranno comunque da soli a chi dare il loro voto. Kosor ha aggiunto che al primo turno non hanno appoggiato nessuno a causa della correttezza verso il partner di coalizione ma adesso, quando sono rimasti Bandic e Josipovic ritengono di dover prendere una posizione chiara.
Il sostegno a Ivo Josipovic ha promesso anche il Partito dei pensionati il quale ha invitato i suoi membri ma anche tutti i pensionati croati di recarsi il prossimo 10 gennaio alle urne e di dare il loro voto al candidato socialdemocratico. La decisione del HSU, si basa innanzitutto – e' stato comunicato – sul sistema di valori promosso da Ivo Josipovic.Il presidente di SDSS, il partito della minoranza serba in Croazia, Vojislav Stanimirovic ha proposto alla presidenza del suo partito di sostenere anch'essi il candidato socialdemocratico Josipovic. Stessa posizione e' stata confermata dal vicepresidente del Governo Slobodan Uzelac, anche lui esponente di questo maggiore partito serbo in Croazia. «Anche come vicepresidente del Governo, incaricato per i diritti umani, comprendo e appoggio la posizione del mio partito. Perche' il signor Josipovic e' il piu' convincente proprio per quanto riguarda la protezione dei diritti umani» ha detto Slobodan Uzelac.

(*) Collaboratrice di Radio Radicale. Il testo è parte della corrispondenza per la puntata di Passaggio a Sud Est andata in onda il 2 gennaio.

sfoglia     dicembre        febbraio
 
rubriche
Diario
Per saperne di più
Radio Tirana
Balkan Express
Passaggio On Air
Testi
Passaggio Speciale

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
SITI DI INFORMAZIONE
Ansa Balcani
Osservatorio sui Balcani
Osservatorio Caucaso
Le courrier des Balkans
Radio Srbija
Serbianna
Medi@teranée
Balkan Investigative Reporting Network
Investigative journalism center Zagreb
Balcani cooperazione
Balcani On Line
Turchia Oggi
Albania News
Vie dell'Est
ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE
Cesid-Center for free elections and democracy
International commission on the Balkan
Independent commission on Turkey
European Stability Initiative
Humanitarian law center Begrade
Center for european integration strategy
Igman Initiative
Center for Democracy and Reconciliation
Civic Dialogue
Association of local democracy agencies
OneWolrd Southeast Europe
SITI ISTITUZIONALI
Sito del Governo Serbo
Sito del Governo del Kosovo
Inviato speciale Onu in Kosovo
Office of the High Representative in Bosnia-Herzegovina
International criminal tribunal
CENTRI STUDI
Istituto per l'Europa centro-orientale e balcanica
Cirpet-Balcani
Italian Center for Turkish Studies
Tesev - Turkish Economic and Social Studies Foundation
Ovipot - Observatoire de la Via Politique Turque
Gallup Balkan Monitor
BLOG
Il blog di Artur Nura
Balkaland - Bepi ce polaziti???
Istanblues
Cose Turche - Il blog di Tiziana Prezzo
Balkan Crew - Il caffè delle diaspore
Politibalkando
Kafana
Kosovo: la voce del Coniglio
Il blog di Paola Casoli
Burekeaters
ALTRI SITI
Viaggiare i Balcani
Glocal, uniti nella diversità
Progetto Egnatia
Rom del Kosovo
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom