.
Annunci online

passaggioasudest [ la realtà politica dell'europa sud orientale dai balcani alla turchia ]
 



Questo blog è dedicato ad un'area cruciale per il futuro europeo. Per l'area che va dai Balcani occidentali alla Turchia, infatti, passa il futuro dell'Unione europea come progetto politico così come il futuro di questi Paesi passa dalla scelta dell'integrazione in questo progetto.




"Dobbiamo ricordarci che l’informazione è un veicolo diretto all’utente, non è un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall’altra parte del microfono deve poter comprendere una realtà in cui non è presente. Questo, penso, è il massimo sforzo che i giornalisti devono compiere".
Antonio Russo



"Il vero referendum sul futuro dell'Unione si terrà nei Balcani"
International Balkan Commission


"E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello di vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere".
Orhan Pamuk, Istanbul



Per inviare una email scrivi a pasudest@yahoo.it





31 gennaio 2010


PASSAGGIO ON AIR

Passaggio a Sud Est
è il sabato alle 22,30 su Radio Radicale



Il sommario della puntata del 30 gennaio 2010

- Unione Europea: l'integrazione dei Balcani occidentali
Grande Albania: albanesi e kosovari favorevoli, sondaggio Gallup Balkan Monitor
Serbia e Montenegro: Belgrado rilancia le relazioni
- Albania: in vigore la legge "antimafia"
- Croazia: la nuova presidenza nel giudizio degli analisti
- Moldova: la situazione politica (intervista a Victor Druta)

In apertura: Giornata della Memoria, la Shoah e i crimini nazi-fascisti nei Balcani

La trasmissione è curata e condotta da Roberto Spagnoli con la collaborazione di Marina Szikora e Artur Nura

Tutte le puntate sono riascoltabili sul sito di Radio Radicale.


26 gennaio 2010


PASSAGGIO IN ONDA

Passaggio a Sud Est
è il sabato alle 22,30 su Radio Radicale



Il sommario della puntata del 23 gennaio 2010

Croazia: le tensioni con la Serbia prima prova internazionale per il neo presidente Ivo Josipovic;
Albania: il Consiglio d'Europa chiede di risolvere la crisi politica interna;
Kosovo: la minoranza montenegrina chiede il rispetto dei suoi diritti;
Macedonia: la Slovenia offre la sua mediazione per risolvere il contenzioso del nome con la Grecia.

L'ultima parte del programma è dedicata ad un ritratto della Transnistria, lo stato fantasma ai confini dell'Europa.

In apertura un ricordo di Hrant Dink, il giornalista turco-armeno assassinato tre anni fa da un estremista nazionalista turco.

La trasmissione è curata e condotta da Roberto Spagnoli con la collaborazione di Marina Szikora e Artur Nura. Tutte le puntate sono riascoltabili sul sito di Radio Radicale.


17 agosto 2009


UNO STATO FANTASMA IN EUROPA

Transnistria (Foto di Marco Pighin da www.osservatoriobalcani.org)Nel cuore dell'Europa, in una striscia ti terra lungo il fiume Dnestr, stretta tra la Moldova a ovest e l'Ucraina a est, c'è uno Stato che ufficialmente non esiste, dato che non ha alcun riconoscimento internazionale. Ufficialmente, in romeno, si chiama Republika Moldoveneasca Nistreana, oppure, in russo, Pridnestrovskaja Moldovskaja Republika, o ancora, più semplicemente, "Pridnestrovie", che letteralmente vuol dire "nei pressi del fiume Dnestr". La Repubblica di Transnistria nacque il 2 settembre 1990 e venne ufficialmente ratificata il 25 agosto del 1991 con la Dichiarazione d'indipendenza da parte del Soviet supremo di Tiraspol. Due giorni dopo il parlamento moldavo votò a sua volta l'indipendenza della Repubblica di Moldova che includeva anche il territorio della Transnistria. Nei mesi seguenti scoppiò una guerra che provocò più di mille morti, ma la potente 14ª armata russa del generale Lebed, schierata a difesa dei secessionisti (e che in Transnistria aveva basi di importanza strategica), non venne fatta sloggiare dalle rive orientali del Dnestr.
Sono passati diciotto anni da quegli avvenimenti e la Transnistria è uno Stato a tutti gli effetti, anche se nessuno lo ha riconosciuto ufficialmente, nemmeno la Russia. Il territorio, i cui confini sono presidiati dalle milizie statali, si estende per 3567 km². Ha una capitale (Tiraspol, 160 mila abitanti su una popolazione complessiva di circa 550 mila), istituzioni autonome (è una repubblica presidenziale), un governo, un presidente padre-padrone (Igor Smirnov), batte una sua moneta (il rublo della Transnistria) e coltiva relazioni politiche e commerciali a tutto campo, mentre un'armata del potente esercito russo, ufficialmente in missione di peacekeeping, fa da angelo custode.

La Transnistria, "forse il più grande porto franco d'Europa", un "paese fantasma al centro dei moderni processi di finanziarizzazione dell'economia", è "considerata da tempo uno snodo cruciale dei traffici internazionali di armi, esseri umani e droga, uno stato gangster nelle mani della mafia russa e di vecchi agenti del Kgb che usano questo territorio come un porto franco per le proprie operazioni criminali". Lo scrive Michele Nardelli in articolo pubblicato nell'"Atlante delle guerre e dei conflitti nel mondo" a cura dell'Associazione "46° Parallelo" (presentato lo scorso 20 giugno a Riccione nell'ambito del Premio dedicato ad Ilaria Alpi).
"Dietro ai simboli di un tempo, dietro le statue di Lenin nelle piazze di Tiraspol, dietro ai richiami nazionalistici, prosperano gli affari", nota Nardelli, secondo il quale la Transnistria è un luogo che più di altri descrive con efficacia la moderna tendenza al costituirsi di stati offshore. Tendenza, questa, "che si regge sotto il profilo del consenso politico grazie a regimi mafiosi e paternalistici, nei quali i richiami nazionalistici (in questo caso alla grande Russia) e all'unità contro l'aggressione esterna, funzionano da anestetico di massa. Così vecchi personaggi dell'apparato burocratico già avvezzi alla corruzione sono diventati 'signori della guerra' per poi indossare i panni degli uomini d'affari. Mentre nei casermoni del vecchio regime le condizioni di vita della popolazione sono pessime, lo stato sociale completamente saltato, aumenta la disoccupazione e peggiorano gli indici relativi alle esportazioni, i fuoristrada lussuosi sfrecciano attraverso i confini come altrettanti simboli dello status dei nuovi ricchi, le cui ricchezze vengono riciclate in ogni dove, Italia compresa".
Lo scenario è quello già visto nel dopoguerra ex jugoslavo, dove i signori della guerra hanno in fretta e facilmente smesso la divisa per indossare l'abito degli uomini d'affari.

"Un fantasma nel cuore dell'Europa", l'articolo di Michele Nardelli sul sito di Osservatorio Balcani e Caucaso


25 agosto 2008


CAUCASO: PARLAMENTO RUSSO CHIEDE INDIPENDENZA ABKHAZIA E OSSEZIA. MEDVEDEV MINACCIA MOLDAVIA.

Il presidente russo Dmitri MedvedevIl Consiglio della Federazione, la "camera alta" del parlamento russo, e la Duma hanno approvato oggi all'unanimita una richiesta per il riconoscimento dell'indipendenza di Ossezia del Sud e Abkhazia al presidente Dmitri Medvedev che nei giorni scorsi aveva sollecitato un pronunciamento. I due leader delle regioni georgiane separatiste, l'abkhazo Serghei Bagapsh e il sudosseto Eduard Kokoity, presenti al dibattito dei due rami del parlamento russo, hanno accolto con entusiasmo il voto che non contribuisce certo ad ammorbidire la tensione con Tblisi. Il presidente georgiano Mikhail Saakashvili ha definito in un'intervista ''un disastro, anche per la Russia'' l'ipotesi di un avallo di Mosca alle istanze dei separatisti.
Il ministro degli esteri italiano Franco Frattini, in una telefonata al suo omologo russo Serghei Lavrov, ha rivolto perciò un invito alla cautela sulla questione, in considerazione della delicatezza della situazione nella regione. Piero Fassino, ministro degli Esteri ombra del Pd, commentando ai microfoni di Radio Radicale la notizia della decisione del Parlamento russo ha dichiarato di ritenere che "non sia questa la strada, perché rischiamo di replicare i drammi che abbiamo già conosciuto nei Balcani''. Secondo Fassino "la comunità internazionale nei Balcani ha subito un principio che si sta rivelando molto pericoloso, quello secondo cui il fondamento dello Stato, di una nazione, è la sua omogeneità etnica, quando da almeno tre secoli è viceversa fondativo il diritto di cittadinanza. Se si applicasse quel principio, si rifletta, perché nessuna nazione, oggi resisterebbe. Si creerebbe un gioco del domino incontrollabile".
La Duma ha all'esame anche una richiesta ai parlamenti internazionali per il riconoscimento delle due entità separatiste, assai improbabile da parte occidentale: sia l'Ue che gli Usa mantengono il principio del rispetto dell'integrità territoriale georgiana.
Per altro, sempre oggi, Medvedev ha ammonito un altro paese ex sovietico, la Moldavia, alle prese con le richieste secessioniste della regione russofona del Transdnestr. Ricevendo a Soci, sul Mar Nero, il collega moldavo Vladimir Voronin, il presidente russo ha detto che gli avvenimenti in Ossezia del sud ''costituiscono un avvertimento per tutte le parti alle prese con conflitti congelati''. Voronin ha replicato cautamente che la Moldavia si adopererà "per impedire un aggravarsi della situazione attorno alla regione contesa e per non ripetere quanto è accaduto in Ossezia del Sud".

sfoglia     dicembre        febbraio
 
rubriche
Diario
Per saperne di più
Radio Tirana
Balkan Express
Passaggio On Air
Testi
Passaggio Speciale

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
SITI DI INFORMAZIONE
Ansa Balcani
Osservatorio sui Balcani
Osservatorio Caucaso
Le courrier des Balkans
Radio Srbija
Serbianna
Medi@teranée
Balkan Investigative Reporting Network
Investigative journalism center Zagreb
Balcani cooperazione
Balcani On Line
Turchia Oggi
Albania News
Vie dell'Est
ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE
Cesid-Center for free elections and democracy
International commission on the Balkan
Independent commission on Turkey
European Stability Initiative
Humanitarian law center Begrade
Center for european integration strategy
Igman Initiative
Center for Democracy and Reconciliation
Civic Dialogue
Association of local democracy agencies
OneWolrd Southeast Europe
SITI ISTITUZIONALI
Sito del Governo Serbo
Sito del Governo del Kosovo
Inviato speciale Onu in Kosovo
Office of the High Representative in Bosnia-Herzegovina
International criminal tribunal
CENTRI STUDI
Istituto per l'Europa centro-orientale e balcanica
Cirpet-Balcani
Italian Center for Turkish Studies
Tesev - Turkish Economic and Social Studies Foundation
Ovipot - Observatoire de la Via Politique Turque
Gallup Balkan Monitor
BLOG
Il blog di Artur Nura
Balkaland - Bepi ce polaziti???
Istanblues
Cose Turche - Il blog di Tiziana Prezzo
Balkan Crew - Il caffè delle diaspore
Politibalkando
Kafana
Kosovo: la voce del Coniglio
Il blog di Paola Casoli
Burekeaters
ALTRI SITI
Viaggiare i Balcani
Glocal, uniti nella diversità
Progetto Egnatia
Rom del Kosovo
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom