.
Annunci online

passaggioasudest [ la realtà politica dell'europa sud orientale dai balcani alla turchia ]
 



Questo blog è dedicato ad un'area cruciale per il futuro europeo. Per l'area che va dai Balcani occidentali alla Turchia, infatti, passa il futuro dell'Unione europea come progetto politico così come il futuro di questi Paesi passa dalla scelta dell'integrazione in questo progetto.




"Dobbiamo ricordarci che l’informazione è un veicolo diretto all’utente, non è un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall’altra parte del microfono deve poter comprendere una realtà in cui non è presente. Questo, penso, è il massimo sforzo che i giornalisti devono compiere".
Antonio Russo



"Il vero referendum sul futuro dell'Unione si terrà nei Balcani"
International Balkan Commission


"E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello di vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere".
Orhan Pamuk, Istanbul



Per inviare una email scrivi a pasudest@yahoo.it





5 ottobre 2009


VIOLENZE IN SERBIA: PROVE GENERALI IN VISTA DELL'ARRESTO DI MLADIC?

Scontri a Belgrado in pieno centro tra Terasije e Knez MihailaShock e tristezza in Serbia per la morte del francese”, “La Serbia piange per Brice”, “Giorno di lutto per la morte del ragazzo francese”: sono solo alcuni dei titoli apparsi sui giornali serbi alla notizia della morte di Brice Taton, il giovane tifoso del Tolosa massacrato a morte da un gruppo di hooligans a Belgrado. Vergogna, incredulità, delusione, rabbia, sono i sentimenti espressi dalla maggior parte dei cittadini serbi. Il fatto è che le violenze degli hooligans o degli estremisti ultranazionalisti (spesso le due cose coincidono) non sono una novità, ma fino all’omicidio del giovane francese non avevano scosso più di tanto l'opinione pubblica serba, né la politica.
Il problema non è di oggi, ma esiste da tempo. Slobodan Radovanovic, facente funzione del procuratore della Repubblica, al quotidiano “Politika”, ha dichiarato che non si tratta solo di tifosi ma di “membri di gruppi criminali organizzati, come evidenziato dai dossier penali sul loro conto in possesso della magistratura”. Danijela Nenadic, sul sito di Osservatorio Balcani, scrive che sono in pochi in Serbia a credere che i leader delle organizzazioni di ultradestra abbiamo agito autonomamente, decidendo di loro spontanea volontà di creare il caos a Belgrado. Cita lo psicologo Zarko Trebjesanin che, in un'intervista al quotidiano “Politika”, sostiene che non si tratti di incidenti isolati, e che le violenze non siano sorte all’improvviso: “Nel sottobosco metafisico della capitale hanno covato odio e aggressività, che molti psicologi e sociologi interpretano alla luce degli accadimenti degli anni Novanta e con l’attuale crisi economica che ha di nuovo riacceso il sentimento di mancanza di speranza, insoddisfazione e rabbia”.
Il professor Zoran Dragisic dell'università di Belgrado, in un'intervista al Courrier des Balkans, è più preciso e si dice convinto, pur non avendone le prove, che dietro ai gruppi estremisti ci sia un'unica regia.
Le ripetute violenze avvenute a Belgrado in questi ultimi mesi, dagli assalti alle ambasciate in occasione della proclamazione dell'indipendenza del Kosovo, alle aggressioni agli stranieri, alle minacce che hanno portato all'annullamento del Gay Pride, inducono poi un ulteriore sospetto, per niente rassicurante: sembrano tutte tappe di un disegno preciso in vista dell'arresto di Ratko Mladic, che molte voci indicano come sempre più vicino, forse alla fine dell'anno o già a novembre.
Proprio di questa iportesi ha parla Marina Sikora in una parte della sua corrispondenza per la puntata di Passaggio a Sud Est andata in onda il 3 ottobre su Radio Radicale. Qui di seguito la trascrizione.


LE VIOLENZE IN SERBIA: UN TEST PER LE REAZIONI DOPO L'ATTESO ARRESTO DI RATKO MLADIC
di Marina Sikora
L'ondata delle violenze contro gli stranieri che ha colpito Belgrado, secondo il quotidiano serbo 'Blic' ha compromesso l'immagine di un'ambiente amichevole per i turisti, ma nel contempo ha aperto molte questioni relative all'enigma di chi sta' dietro a tali incidenti. Ivan Kuzminovic, direttore esecutivo del Comitato Helsinki per i diritti umani in Serbia, e' convinto che dietro a tutte queste violenze non ci sono soltanto individui bensi' si tratti di una strategia per alcuni prossimi eventi. In questo senso, Kuzminovic dichiara che «secondo tutti i dati disponibili, vi sono grandi possibilita' che e' stata presa la decisione definitiva di arrestare Ratko Mladic e si sente sempre piu' spesso che cio' avverra' entro la fine dell'anno, forse gia' a novembre». «Ritengo che questi gruppi stanno conducendo una simulazione per questo evento, che indubbiamente si realizzera', e penso che loro ci mandano un'immagine, un messaggio, che intendono lottare anche nel futuro per i loro valori di sangue e onore» ha detto il direttore esecutivo del Comitato Helsinki della Serbia.
A differenza di questa opinione, l'avvocato ed ex responsabile della polizia, Bozo Prelevic ha dichiarato per 'Deutsche Welle' che non vi sono prove che possano confermare si tratti di violenze organizzate, vale a dire che dietro le violenze vi possano essere partiti politici, motivi antieuropei o altri centri di potere in ombra.
Sempre secondo il direttore esecutivo del Comitato Helsinki Ivan Kuzminovic, le violenze contro gli stranieri sono assolutamente un tentativo di compromettere il governo serbo, che secono Kuzminovic e' molto facilmente compromettibile poiche' si tratta «di un gruppo di persone collegate soltanto con il potere comune e in nessun modo con valori democratici in generale. «Penso che il bersaglio sono innanzitutto il Partito democratico e il Partito socialista della Serbia in quanto, forse, due partiti chiave. Penso che questo sia parzialemente anche l'inizio di una campagna preelettorale molto lunga e difficile nella quale la Serbia entrera' verso la fine dell'anno oppure l'anno prossimo» afferma l'esperto politico serbo e aggiunge che se si cerca un colpevole concreto, allora lo si dovrebbe cercare negli ultimi venti anni della storia serba. Si tratta della promozione di violenze in quanto modo per risolvere i conflitti e le divergenze. Lo Stato, per questa ragione – e' dell'opinione Kuzminovic – deve promuovere il tasso zero di tolleranza quando si tratta di vicende di questo genere.
In questa luce ha assunto un carattere ancora piu' allarmante la morte del 28-enne cittadino francese Brice Taton, deceduto dopo 12 giorni in seguito alle ferite subite lo scorso 17 settembre nel centro di Belgrado. Il giovane francese e' stato brutalmente picchiato dai teppisti prima della partita di calcio Partizan-Tolosa. Su iniziativa del Ministro dello Sport, Snezana Samardzic Markovic, e del partito G17 Plus, e' stato dichiarato un giorno di lutto nazionale, per i funerali di Taton, per dimostrare che «c'e' un'altra Serbia che detesta la violenza». Migliaia di persone si sono riunite mercoledi' a Belgrado, Novi Sad, Nis e Pancevo a posare le corone e bruciare candele per dare omaggio a Brice Taton. Molti cittadini accanto alle candele hanno lasciato biglietti con scritte come: «Vergognati Serbia perche' uccidi i tuoi ospiti». Un omaggio al giovane tifoso uccisio hanno dato anche molti politici, rappresentanti di Governo e parlamentari nonche' personalita' pubbliche. L'Ombudsman per la protezione dei cittadini della Serbia, Sasa Jankovic ha invitato le istituzioni e la societa' di offrire alternative concrete ai comportamenti di violenza e ha avvertito che la morte di Brice Taton ha affrontato la Serbia nella maniera piu' tragica con il fatto che le violenze da molto tempo fanno parte della quotidianita' serba.


19 settembre 2009


VINCONO I VIOLENTI: PRIDE ANNULLATO A BELGRADO. MA E' VERA VITTORIA?

Le autorità serbe hanno ritirato l'autorizzazione a svolgere la parata del "Pride 2009" prevista per domani mattina a Belgrado dopo le ripetute minacce di violenze da parte dei gruppi ultranazionalisti. Secondo quanto dichiarato dagli stessi organizzatori, il ministero dell'Interno ha dichiarato che l'annullamento è stato deciso per ragioni di sicurezza, data l'impossibilità per le forze dell'ordine di garantire l'incolumità dei partecipanti e impedire il ripetersi delle gravi violenze che 8 anni fa posero fine al primo, e finora unico, tentativo di dar luogo anche a Belgrado ad una manifestazione per i diritti delle persone LGBT.

"Tutti sanno cosa accadrebbe se realizzassero questa parata della vergogna, e la responsabilit
à sarebbe di chi la organizza", aveva dichiarato nei giorni scorsi Mladen Obradovic, esponente del gruppo ultranazionalista Obraz. Un altro gruppo di estrema destra, il "Movimento 1389", aveva non solo annunciato che i suoi membri non avrebbero rinunciato alla propria "contro manifestazione", vietata dalle autorità cittadine, ma aveva anche invitato a redigere una "lista nera" dei partecipanti al Pride da "sottoporre a linciaggio". Anche il capo della Chiesa ortodossa serba, il metropolita Amfilohije, non ha mancato di elevare la sua esecrazione nei confronti di quella che ha definito la "sfilata della vergogna" e la "parata di Sodoma e Gomorra", dichiarazioni che erano state lette dagli estremisti come una sorta di appoggio e di benedizione delle loro bellicose intenzioni.

Numerose dichiarazioni di sostegno alla manifestazione e di netta condanna alle violenze, erano arrivate invece dal mondo istituzionale, politico, delle organizzazioni non governative e internazionali, compresa quella del presidente della Repubblica, Boris Tadic, il quale aveva assicurato che non sarebbero state tollerate violenze da parte degli estremisti. Sostegno al Pride di Belgrado era stato espresso anche dalla presidenza svedese dell'Ue, dalle ambasciate di Gran Bretagna e Germania, dall'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) che in un comunicato aveva lodato "l'impegno della Serbia a sostenere l'eguaglianza e la libert
àdei suoi cittadini a riunirsi pacificamente".

Per avere un'idea di quello che accadde a Belgrado otto anni fa, tra piazza della Repubblica, Kneza Mihaila e
le vie limitrofe vi consiglio di guardare questo video facilmente reperibile su You Tube. Altri è possibile trovarne usando come chiavi di ricerca "pride, belgrade". Sono immagini piuttosto dure. E' consolante sapere, però che i facinorosi barbuti che indossano berretti cetnici e scandiscono truci slogan, facendo saluti nazisti e sventolando lugubri bandiere nere con teschi e tibie incrociate, sono tutto sommato una minoranza, violenta ma piccola, e che accanto a questa minoranza c'è una società (questa sì "civile") che vuole vivere in pace.

Lo svolgimento pacifico del Pride 2009 a Belgrado era considerato una sorta di "test di democrazia" per la Serbia che di recente ha adottato una nuova legge anti-discriminazione, in linea con gli standard UE. Evidentemente, per
à la Serbia, nel suo lungo e non facile cammino verso l'integrazione europea, oltre alle riforme di carattere politico, economico e sociale, dovrà affrontare anche il mutamento dei suoi costumi come avviene in qualunque Paese civile. E la Serbia è un Paese civile. Questa sarà forse la sfida più difficile e importante per il suo futuro. E d'altra parte la Serbia non è la sola a dover affrontare questa sfida che riguarda tutti i Paesi e tutte le popolazioni dei Balcani. E chiunque voglia bene ai Balcani e ai suoi popoli non può che augurarsi che questa sfida venga vinta.

sfoglia     settembre        novembre
 
rubriche
Diario
Per saperne di più
Radio Tirana
Balkan Express
Passaggio On Air
Testi
Passaggio Speciale

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
SITI DI INFORMAZIONE
Ansa Balcani
Osservatorio sui Balcani
Osservatorio Caucaso
Le courrier des Balkans
Radio Srbija
Serbianna
Medi@teranée
Balkan Investigative Reporting Network
Investigative journalism center Zagreb
Balcani cooperazione
Balcani On Line
Turchia Oggi
Albania News
Vie dell'Est
ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE
Cesid-Center for free elections and democracy
International commission on the Balkan
Independent commission on Turkey
European Stability Initiative
Humanitarian law center Begrade
Center for european integration strategy
Igman Initiative
Center for Democracy and Reconciliation
Civic Dialogue
Association of local democracy agencies
OneWolrd Southeast Europe
SITI ISTITUZIONALI
Sito del Governo Serbo
Sito del Governo del Kosovo
Inviato speciale Onu in Kosovo
Office of the High Representative in Bosnia-Herzegovina
International criminal tribunal
CENTRI STUDI
Istituto per l'Europa centro-orientale e balcanica
Cirpet-Balcani
Italian Center for Turkish Studies
Tesev - Turkish Economic and Social Studies Foundation
Ovipot - Observatoire de la Via Politique Turque
Gallup Balkan Monitor
BLOG
Il blog di Artur Nura
Balkaland - Bepi ce polaziti???
Istanblues
Cose Turche - Il blog di Tiziana Prezzo
Balkan Crew - Il caffè delle diaspore
Politibalkando
Kafana
Kosovo: la voce del Coniglio
Il blog di Paola Casoli
Burekeaters
ALTRI SITI
Viaggiare i Balcani
Glocal, uniti nella diversità
Progetto Egnatia
Rom del Kosovo
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom