Blog: http://passaggioasudest.ilcannocchiale.it

FINANCIAL TIMES: CON ROMANIA E BULGARIA A RISCHIO LA CREDIBILITÀ DELL'UE

L'Unione europea rischia di "esporsi al ridicolo" se non sarà rigorosa nei confronti di Romania e Bulgaria. E' la dura presa di posizione del Financial Times secondo cui l'Ue non deve più transigere sull'applicazione di standard europei nei due Paesi che nonostanti siano entrati nell'Unione il 1 gennaio non hanno ancora realizzato riforme contro la corruzione. "L'imbarazzante verità è che l'Ue sapeva da tempo che Romania e Bulgaria non sarebbero state pronte per l'adesione nel 2007. I funzionari sapevano che crimine e corruzione sarebbero stati grandi ostacoli, in particolare per la Bulgaria. Ma sono andati avanti, ritenendo (correttamente) che la pubblica opinione si stava muovendo velocemente verso l'allargamento. Ritardi avrebbero bloccato l'intero processo", spiega il quotidiano della City.
Solo che, sottolinea il FT, l'ingresso nell'Ue in tempi brevi avrebbe funzionato "se le condizioni fossero state dure" e invece non è andata così. "Questo approccio codardo - continua il FT - danneggia i riformatori in entrambi i paesi, rubando loro qualche potente arma che avrebbero potuto usare nella battaglia interna. Priva i popoli di Romania e Bulgaria dei vantaggi pieni dell'adesione. Mina l'impatto della futura adesione di altri potenziali membri, che potrebbero anche loro sperare di di aggirare i loro obblighi. Compromette il sostegno pubblico per un'ulteriore espansione in un momento in cui è già fragile. Infine, espone l'intera unione al ridicolo: come può l'Ue lottare per il primato della legge ovunque nel mondo, quando non sa imporlo ai suoi stessi stati membri?".
E' pur vero che Bruxelles ha dato un altro anno di tempo a Bucarest e Sofia per rispettare gli standard richiesti ai Paesi aderenti, ma l'ultimatum potrà avere successo, secondo il FT, solo se "le elite locali realizzeranno che hanno più da guadagnare che da perdere adottando gli standard Ue nella vita pubblica". Un processo che richiederà tempo, forse più d'un decennio, "ma la lotta deve partire ora, o potrebbe non partire del tutto".

Pubblicato il 29/6/2007 alle 18.16 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web