Blog: http://passaggioasudest.ilcannocchiale.it

TURCHIA, ART. 301: INTERVISTA AL PROFESSOR HAMIT BOZARSLAN

Hamit BozarslanSulla modifica dell'articolo 301 del codice penale turco segnalo l'intervista di Ada Pagliarulo di Radio Radicale al professor Hamit Bozarslan, docente alla Scuola di Alti Studi in Scienze Sociali di Parigi (EHESS). Bozarslan spiega le ragioni che secondo lui hanno portato l'opposizione nazionalista sia di sinistra (CHP) sia di destra (MHP) ad opporsi ad ogni modifica della norma che in difesa della "turchità" ha portato negli ultimi anni a molti procedimenti penali contro giornalisti, editori, intellettuali, scrittori come Orhan Pamuk (Premio Nobel nel 2006), Elif Shafak o Hrant Dink (poi assassinato da un fanatico). Perplessità ed esitazioni sulla modifica dell'articolo, ricorda Bozarslan, si sono registrate anche in seno all'Akp, il Partito della Giustizia e dello Sviluppo del premier Erdogan che ha trionfato alle elezioni politiche del lulgio 2007. Anche lo scontro sull'articolo 301, però, va visto nel quadro più ampio della tensione tra le élites kemaliste e l'Akp che ha portato tra l'altro la Corte costituzionale a ritenere ammissibile la denuncia per attività anti-laica avanzata dalla procura generale nei confronti del partito di Erdogan. Bozarslan analizza l'allontanamento dell'Akp dai modelli delle formazioni islamiste del Medio Oriente e parla anche della ricorrente minaccia del cosiddetto "Stato profondo" (quella specie di Stato parallelo in cui convergono ambienti militari, servizi deviati, elementi nazionalisti) che ora ha messo nel mirino anche il partito di Erdogan.

Pubblicato il 6/5/2008 alle 20.20 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web