Blog: http://passaggioasudest.ilcannocchiale.it

LA CROAZIA PORTA LA SERBIA IN GIUDIZIO PER GENOCIDIO

Vukovar 1991Inizia oggi al Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia l'udienza preliminare del procedimento intentato dalla Croazia contro la Serbia con l'accusa di genocidio per quanto avvenuto durante la del 1991-1995. Per le autorità di Zagabria, la Serbia deve rispondere della pulizia etnica genocida dei cittadini croati perché controlla direttamente le forze armate, i servizi e le diverse formazioni paramilitari che operavano in territorio croato, nella regione di Knin, in Slavonia e in Dalmazia.
Secondo l'accusa, "un gran numero di cittadini croati è stato deportato, ucciso, torturato o illegalmente recluso, e i loro beni sono stati distrutti". La Croazia parla di 20mila vittime, 55mila feriti, denuncia la distruzione del 10% delle case, di 1800 monumenti e di 450 chiese cattoliche. Per questo Zagabria chiede che il Tpi condanni la Serbia per aver violato la convenzione sul genocidio e paghi i danni di guerra. Da Belgrado si risponde affermando che nel 1999, quando fu presentata la denuncia, l'allora Federazione jugoslava non faceva parte dell'Onu e non era tra le nazioni firmatarie della convenzione sul genocidio e dunque il caso non è di competenza dei giudici dell'Aia.
Proprio basandosi sul fatto che all'epoca la Serbia non era rappresentata al Palazzo di vetro né firmataria della convezione sul genocidio, il Tribunale internazionale non ha dato seguito all'accusa presentata dalla Serbia contro i paesi membri della Nato per i bombardamenti del 1999 durante la guerra per fermare la pulizia etnica contro gli albanesi del Kosovo. D'altra parte il Tpi non è tenuto ad attenersi alle sue precedenti decisioni, che non costituiscono un precedente.
La Serbia si è già trovata nel recente passato a dover affrontare un procedimento per genocidio intentato dalla Bosnia-Erzegovina conclusosi con l'assoluzione di Belgrado anche se il Tribunale ritenne le autorità serbe responsabili di non aver impedito il genocidio dei musulmani avvenuto nel luglio 1995 a Srebrenica da parte dell'esercito della Republika srpska (l'entità serba della Bosnia).
L'udienza preliminare durerà sino al prossimo 30 maggio.

Pubblicato il 26/5/2008 alle 14.36 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web