Blog: http://passaggioasudest.ilcannocchiale.it

ERGENEKON: LO "STATO PROFONDO" A PROCESSO IN TURCHIA

E' iniziato oggi in Turchia il processo contro Ergenekon, l'organizzazione segreta espressione di quello "Stato profondo" che lega ambienti militari, circoli nazionalisti, servizi segreti deviati, giornalisti e uomini politici. L'accusa per gli imputati è in sostanza quella di aver orchestrato e attuato per un decennio una strategia della tensione con lo scopo di rovesciare l'ordine costituito e il governo legittimamente eletto di Recep Tayyip Erdogan. Per la Turchia è un processo delicato e carico di incognite perché all'organizzazione vengono imputati alcuni fra i più gravi atti di violenza che hanno insanguinato il Paese negli ultimi anni, soprattutto dopo che Recep Tayyip Erdogan ed il suo Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (Akp) è arrivato al governo nel novembre del 2002.

C'è chi sospetta che Ergenekon potrebbe avere a che fare tra l'altro con l'assassinio del giornalista armeno Hrant Dink, ucciso da estremisti nazionalisti nel gennaio del 2007, con quello del sacerdote italiano Don Andrea Santoro, freddato a Trebisonda il 6 febbraio 2006, del giudice Mustafa Ozbilgin, ucciso nella sede del Consiglio di Stato nel maggio 2006. Secondo molti anche la strage di Malatya del 18 aprile 2007, in cui tre cristiani presbiteriani, due turchi e uno tedesco (Necati Aydin, Ugur Yüksel e Tilman Ekkehart), furono sgozzati dopo essere stati torturati per ore nella sede della casa editrice Zirve, sarebbe riconducibile ad Ergenekon.

Tra gli 86 imputati alla sbarra ci sono molti nomi eccellenti: l'avvocato Kemal Kerincsiz, noto per le sue posizioni ultranazionaliste e per aver trascinato in tribunale il premio Nobel Orhan Pamuk, Hrant Dink e la scrittrice Elif Shakaf per presunti oltraggi all'identità nazionale turca; Dogu Perincek, segretario del Partito dei lavoratori; Kemal Alemdaroglu, ex rettore dell'Università di Istanbul, da sempre uno degli atenei più laici della Turchia moderna; Umit Erenol, la portavoce della chiesa ortodossa turca fondata da suo nonno nel 1922 in opposizione alla chiesa ortodossa greca; e soprattutto il generale in pensione Veli Kucuk considerato uno dei principali dirigenti di Ergenekon e ritenuto il fondatore del servizio di informazioni e antiterrorismo della gendarmeria (Jtem) sospettato di aver eliminato illegalmente diversi esponenti curdi negli anni '90. Per questioni procedurali saranno invece processati a parte l'ex capo della Gendarmeria, Sener Eruygur, e l'ex primo comandante dell'esercito, Hursit Tolon.

Proprio l'incriminazione di alti gradi delle forze armate, che sono tutt'ora l'asse portante della repubblica turca, ha causato notevoli imbarazzi tanto che lo scorso luglio l'allora capo di Stato Maggiore, Yasar Buyukanit, si era sentito in dovere di dichiarare che "in ogni ambiente ci sono persone che infrangono la legge", che "nei loro confronti è la giustizia a decidere". Soprattutto, di fronte a chi cerca di stabilire un legame tra i fatti contestati agli imputati e le forze armate nel loro complesso, il generale aveva dichiarato che "le forze armate turche non sono un'organizzazione criminale" e "anche chi commette errori nelle forze armate ne deve rispondere davanti a un giudice".

L'"affaire" Ergenekon scoppiò nel 2006 in seguito ad un'inchiesta aperta dalla procura di Istanbul dopo il ritrovamento nel quartiere di Ümraniye, nella parte asiatica della città, di ventisette bombe a mano dello stesso tipo di quelle piazzate nel maggio dello stesso anno sotto la sede del quotidiano laico e kemalista Cuhmuriyet.
Il Paese si dispone a seguire il procedimento con grande attesa ma anche timore. Il premier Erdogan ha ribadito in più occasioni che il processo permetterà di scoprire tutta la verità riguardo alla storia recente della Turchia. Ma una parte dell'opinione pubblica pensa che alcuni imputati siano in realtà estranei ai fatti ma siano stati coinvolti nell'inchiesta perché scomodi per il Governo che cercherebbe così di renderli inoffensivi. Secondo l'opposizione kemalista Erdogan starebbe usando l'"affaire" Ergenekon per rafforzare il suo potere ed arginare i suoi avversari, politici e no. In pratica c'è chi ritiene che l'inchiesta sia la risposta del governo islamico-moderato all'ennesimo all'attacco portatogli dalla magistratura che, con la forze armate, rappresenta la parte più laica dello Stato turco. Alcuni fanno notare, per esempio, che i vari arresti di sospetti appartenenti ad Ergenekon hanno in qualche modo accompagnato l'evolversi del procedimento intentato dal Procuratore generale della Repubblica, Abdurrahman Yalcinkaya, contro l'Akp accusato di attività antilaiche, accusa per cui ha rischiato la chiusura.

Pubblicato il 20/10/2008 alle 19.40 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web