Blog: http://passaggioasudest.ilcannocchiale.it

PRESIDENZIALI IN CROAZIA: L'ANALISI DI JUTARNJI LIST

JOSIPOVIC VICINO ALLA VITTORIA, BANDIC DANNEGGIATO DA SANADER E MERCEP
di Davor Butkovic - Jutarnji list, 7 gennaio 2010
Traduzione di Marina Szikora

http://josipovic.netIl sondaggio dell'opinione pubblica, che per Jutarnji lista ha effettuato l'agenzia slovena Mediana su un campione di 1008 intervistati, dimostra che per Ivo Josipovic voteranno 52,3% e per Milan Bandic invece 35,6% di cittadini croati, mentre il 12% e' ancora indeciso. Quindi, anche se tutti quelli che ancora non sanno per chi voteranno domenica prossima, alla fine dediceranno di sostenere Bandic, Ivo Josipovic dovrebbe comunque essere eletto terzo presidente della Croazia.
Il maggior numero di altri sondaggi dimostra quasi gli stessi risultati. Anche Puls e Promocija Plus danno una precedenza a Josipovic tra 17 e 18 punti. Soltanto Media Metar afferma che Josipovic ha un vantaggio di appena dieci punti. Se il peggior risultato che un candidato ha ottenuto sono una decina di punti di vantaggio rispetto al suo sfidante, questo candidato dovrebbe essere molto, ma molto soddisfatto e sicuro nella sua vittoria. La campagna per il secondo turno delle elezioni presidenziali non ha cosi' portato nessuna svolta all'umore elettorale.
Ivo Josipovic ha vinto contro Milan Bandic con un po' oltre 17 punti lo scorso 27 dicembre e finora e' riuscito a mantenere questa differenza, anche se in due settimane fino al ballottaggio e' riuscito a commettere alcuni errori diletanti, quali la famosa frase della Croazia rossa. A Josipovic, dall'altra parte, e' andato a favore l'enorme interesse mediatico che, con il suo tentativo di golpe nella Comunita' Democratica Croata (HDZ), ha compiuto l'ex premier Ivo Sanader. L'azione di Sanader dal punto di vista degli interessi dei cittadini e dei media, ha eliminato le elezioni presidenziali, che va a favore del candidato che si trova nella situzione vincente.
A Milan Bandic, in quanto la persona che ha cercato di capovolgere i suoi numeri negativi, la riapparizione di 24 ore di Sanader sulla scena politica croata e' stata estremamente dannosa, poiche' negli ultimi giorni la corsa elettorale non aveva una notevole attenzione mediatica. Anche se avesse avuto degli argomenti, Bandic non ha avuto piu' il tempo di capovolgere il trend che porta all'ascesa di Josipovic verso Pantovcak (sede del Presidente, ndt.)
A Bandic ha ulteriormente nociuto anche l'interpretazione che Sanader appoggia la sua candidatura: tutti quelli sostenuti da Ivo Sanader, in questo momento sono semplicemente destinati all'insucesso. Lo stesso Bandic, comunque, nel secondo round della campagna ha fatto alcuni errori che sono ancora piu' gravi di quelli di Josipovic. Primo tra questi, l'accettazione del sostegno di Tomislav Mercep. Il caso Mercep non e' una questione politica, bensi' di morale civico elementare. A chi Tomislav Mercep diventa alleato, questo politico perde la legittimita' democratica elementare. Lo stesso Tudman aveva deciso di liberarsi di Mercep oltre 15 anni fa.
Secondo, la campagna di Bandic e' diventata assai agressiva, troppo agressiva per i criteri croati. Colpi bassi, quali la distribuzione di volantini falsi e offensivi contro Ivo Josipovic davanti alla chiesa della citta' di Petrinja, hanno maggiormente cancellato gli effetti negativi della «Croazia rossa» di Josipovic. «Rosso», lo spot di Bandic, proibito dalla Commissione elettorale statale (DIP) nonche' i tentativi incredibili di compromettere Josipovic via Internet con insinuazioni di violenze sessuali, appartengono ai punti piu' sporchi nella storia delle corse elettorali croate: con tali azioni il team elettorale di Bandic ha ulteriormente indirizzato l'opinione pubblica contro il loro candidato.
Infine, Milan Bandic ha ottenuto un certo sostegno della Chiesa, che ha cambiato posizione rispetto alle elezioni in una sola stettimana.. Ma questo e' assolutamente un problema della Chiesa cattolica e la sua, in questo caso, strana impurdenza.
Quando si tratta dell'esito elettorale, la Chiesa non voleva mai che Stipe Mesic diventasse presidente della Repubblica, il che, come sappiamo, non ha influenzato la decisione degli elettori. Ivo Josipovic puo' tranquillamente attendere i primi exit pool di domenica sera. Ad una condizione importante. La stragrande maggioranza dei suoi elettori potenziali deve andare a votare.

Pubblicato il 8/1/2010 alle 19.59 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web