Blog: http://passaggioasudest.ilcannocchiale.it

L'UNIONE EUROPEA E LA BOSNIA

Di Marina Szikora (*)

L'immagine si trova all'indirizzo commons.wikimedia.org/wiki/File:Bosnia_EU.svgL' Argomento importante della riunione ministeriale di Bruxelles, come annunciato, e’ stata la delicatissima situazione politica in BiH nonche’ il blocco delle riforme che non ha visto nessun passo in avanti dopo le difficili trattative che hanno prodotto il cosidetto “pacchetto di riforme di Butmir”.
L’Ue, alla riunione di lunedi’ ha espresso prontezza di mantenere la presenza militare in Bosnia Erzegovina anche dopo la fine del mandato dell’operazione ALTHEA ed ha deciso al contempo di inserire una missione consultativa nell’ambito dell’Althea per aiutare la costruzione delle capacita’ nel settore della difesa. Concludendo che non sono state adempiute le condizioni per la chiusura dell’Ufficio dell’Alto rappresentante per la BiH (OHR), l’Ue ha deciso di mantenere ancora la presenza militare.
Va precisato che ancora precedentemente, era stato pianificato che una missione consultativa per l’addestramento e la costruzione delle capacita’ di difesa in BiH, la quale includerebbe circa 200 persone, iniziasse ad operare solo a conclusione della missione militare, ma a causa dell’ostacolamento delle riforme nel Paese, l’Ue ha rinunciato al piano primario e cosi’ ALTHEA, oltre al ruolo militare ha assunto adesso anche il compito consultativo.

Il Consiglio di ministri europei si e’ detto pronto a nome dell’Ue di mantenere il ruolo militare esecutivo per sostenere le esistenti sfide anche dopo il 2010 sotto il mandato dell’ONU. Allo stesso tempo, i ministri degli esteri europei hanno rilevato il loro pieno sostegno all’integrita’ territoriale e sovranita’ della BiH cosi’ come previsto dall’Accordo di pace di Dayton/Parigi. Il Consiglio ha altrettanto dato forte sostegno all’inviato speciale dell’Ue e Alto rappresentante, Valentin Inzko invitando tutte le parti in BiH di accettare tutte le decisioni da lui prese e di non mettere in questione la sua autorevolezza. Cio’ si interpreta come un monito chiaro al premier della Republika Srpska, Milorad Dodik il quale aveva annunciato un referendum sulla decisione di Valentin Inzko relativa al proseguimento della presenza dei giudici internazionali in BiH.
L’alto rappresentante dell’Ue per la politica estera e di sicurezza, lady Catherine Ashton ha confermato che alla riunione del Consiglio di ministri dell’Ue, oltre al discorso sulla missione ALTHEA e la decisione del proseguimento della sua presenza in BiH anche dopo la fine del mandato, si e’ discusso inoltre “generalmente del futuro della BiH”. Lady Ashton ha fatto sapere che questo colloquio ha incluso elementi che non si “riflettono” nel documento conclusivo. “Il colloquio durante il pranzo di lavoro si e’ svolto con la partecipazione di molti ministri europei.

Il capo della diplomazia spagnola, Miguel Angel Moratinos ha dicharato lunedi’ a Bruxelles che bisogna continuare ad attuare il “Pacchetto di Butmir” – la proposta di riforme in BiH. Moratinos, il cui peaese tiene la presidenza di turno all’Ue, ha aggiunto che bisogna anche riesaminare, approfondire, allargare e sviluppare queste proposte e ha avvertito che anche per la situazione in BiH e’ valida l’esperienza che “in diplomazia le situazioni imposte non sono le migliori soluzioni”.
Moratinos ha sottolineato che l’alto rappresentante dell’Ue, Catherine Ashton con il sostegno della presidenza spagnola, nonche’ con la collaborazione con protagonisti e fattori che hanno la responsabilita’ internazionale per il progresso e per la stabilizzazione della BiH, si impegneranno ulteriormente per approfondire e per rielaborare il “Pacchetto di Butmir”. “Il modo di lavorare e’ il dialogo, la collaborazione, con un messaggio chiaro alle autorita’ della BiH che anche loro devono assumersi la propria responsabilita’” ha detto il ministro degli esteri spagnolo.

Aspettata e non sorprendente e’ stata la reazione del premier della Rs Milorad Dodik il quale ritiene che le dichiarazioni dei ministri degli esteri dell’Ue relative al sostegno all’Ufficio dell’Alto rappresentante per la BiH “mirano a difendere l’operato illegale” di quest’ufficio.
Dodik ha sottolineato che tutto quello che entra nell’ambito e nelle competenze del mandato dell’alto rappresentante non e’ discutibile per la Rs, ma e’ discutibile quello che esce da questo mandato nonostante la sua autorevolezza. Secondo Dodik, l’alto rappresentante si nasconde dietro una cosi’ importate istituzione come lo e’ l’Ue. “Se si tratta della minaccia di una potente associazione come l’Ue per proteggere il lavoro illegale dell’alto rappresentante che non ha il diritto di imporre leggi, perche’ nessuno gli ha dato questo diritto, ne’ a Dayton ne’ con le competenze di Bonn, allora e’ una cosa strana” ha affermato il premier della Rs ai giornalisti nel capoluogo dell’entita’ a maggioranza serba, Banja Luka. Ha ricordato inoltre che l’alto rappresentante per la BiH ha il diritto di prendere decisioni relative al lavoro della Presidenza e del Consiglio di ministri della BiH ma non quello che riguarda il lavoro del parlamento.

Alle domande dei giornalisti realtive a quello che intende fare l’Ue per uscire dallo stallo politico in BiH prendendo in considerazione che tra poco in questo paese si svolgeranno elezioni importanti, l’alto rappresentante dell’Ue, Ashton ha detto che “e’ molto chiaro che si tratta di un paese unico, e’ molto chiaro che vi sono diverse comunita’ ed e’ molto chiaro che prossimamente ci saranno le
elezioni”. “Speriamo davvero che nel dibattito preelettorale saranno illustrati i pregi in cui abbiamo sempre creduto, quindi che la BiH alla fine sara’ parte dell’Ue” ha aggiunto lady Ashton.

(*) Corrispondente di Radio Radicale. Il testo è tratto dalla corrispondenza andata in onda nello Speciale di Passaggio a Sud Est del 30 gennaio dedicato all'integrazione europea dei Balcani occidentali.

Pubblicato il 30/1/2010 alle 12.23 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web